La Cina censura il made in USA

di gioiabo 2

 

Cosa fare per promuovere il cinema nazionale e difenderlo dalla supremazia del made in Usa?
La domanda toglie il sonno a produttori e registi di mezzo mondo, la cui creatività è continuamente castrata dallo strapotere economico del “nemico numero uno”.

Una risposta viene dalla Cina, paese emergente nell’economia internazionale, che ha una sola parola per fermare l’invasione: censura.
Per tre mesi titoli come I am legend, Enchanted, Bee Movie, Beowulf e Stardust saranno messi al bando dalle sale cinematografiche cinesi per promuovere e far crescere il cinema nazionale.
Per una volta è il caso di dire “poveri americani!”, costretti a rinunciare a milioni di possibili spettatori e a miliardi di dollari (soprattutto), a causa della chiusura mentale del China Film Group -l’Ente cinematografico di Pechino- che decide quali pellicole importare e quali lasciar fuori dalla Grande Muraglia.

Un atteggiamento sicuramente protezionista,  che viola le più semplici regole del mercato libero e si pone come giudice unico nella scelta della pellicola da proiettare.
Lo slogan per la campagna di nazionalismo cinematografico potrebbe essere “non passa lo straniero” e dalla Cina fanno sapere di esser certi della riuscita del programma.

Noi non lo siamo, anzi ci auguriamo che i cinesi investano la (misera) tredicesima nell’acquisto di DVD stranieri, possibilmente a stelle e strisce.

Commenti (2)

  1. Del resto tutti son liberi di fare ciò che vogliono…loro nn si beccano i film americani….noi invece oltre a quelli ci dobbiamo sorbettare quelli italiani!!

  2. i problemi della cina sono ben altri: tutte le libertà che censurano, lo fanno con i soldi europei ed americani, che vanno in cina ad appaltare le loro aziende. quindi invece di fare gli ipocriti e additare continuamente i cinesi, leviamo i fondi al loro governo e magari usiamoli per cose che possano servire veramente al popolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>