Inside Out, il cartone Pixar con protagoniste le emozioni: Rabbia, Paura, Gioia, Disgusto e Tristezza

di Chiara Laganà Commenta

Inside Out, prossimo cartone animato della Pixar, darà un volto alle nostre emozioni: Rabbia, Paura, Gioia, Disgusto e Tristezza sono come noi, hanno emozioni e vivono fuori di noi. Il film uscirà nelle sale italiane il 19 agosto, sigh, ve lo presentiamo dopo il salto.

Ci avete mai pensato: come sono fatte le nostre emozioni? Il prossimo cartone animato della Pixar, realizzato dal regista premio Oscar per Up Pete Docter, ci mostra che volto e chi sono le emozioni. La storia ha per protagonista una preadolescente, Riley, che cambia città e lascia il Midwest per San Francisco, uno choc come quello di trasferirsi cambia le emozioni della piccola e dei suoi genitori.

In questo film Pixar va oltre, ecco che Rabbia, Paura, Gioia, Disgusto e Tristezza prendono vita. Disgusto è verde e ha l’aria scocciata e ha la voce (in originale) di Mindy Kaling; Paura è magro, viola e ha lo sguardo spaventato (la voce è di Bill Hader), mentre Rabbia è un ometto rosso e pronto sempre a esplodere (il comico Lewis Black), Tristezza è blu, si nasconde dietro un grande maglione e ha l’aria corucciata (la voce è dell’attrice Phyllis Smith) e, infine, Gioia, invece, sorride sempre (la voce è di Amy Poehler), conclude la carrellata di emozioni.

Cinque pupazzi che vivono nella testa di una ragazzina e dei suoi genitori e sono i registi delle emozioni del nucleo familiare protagonista e di qualsiasi famiglia.

A dirigere il film, il regista di Up, Docter, insieme a Ronaldo Del Carmen. L’esperimento (che sarà sicuramente riuscitissimo) della premiata ditta Pixar-Disney ha un precedente, la serie TV USA Ma che ti passa per la testa? (Herman’s Head), ma in questo caso le emozioni erano: sensibilità, istinto, ansia e razionalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>