Una per tutte, tutte per una

di Benedetta Guerra Commenta

Oggi per cartoni animati story, parleremo di Una per tutte, tutte per una (Ai no Wakakusa Monogatari), una serie animata degli anni ottanta,  ispirato al libro di Louisa May Alcott, Piccole Donne.

Il cartone è nato nel 1987 dalla Nippon Animation ed è composto da ha un totale di 48 episodi da 25 minuti l’uno. La storia è ambientata durante la guerra di secessione americana e ha come protagoniste quattro sorelle e la loro mamma.

Mary March è la madre delle protagoniste, una donna saggia, moglie di George un combattente nordista, e le figlie, Meg, la sorella più grande, 16 anni, molto bella, educata, amante della bella vita e vanitosa, Josephine detta Jo ha 15 anni, ha un animo ribelle, è intelligente e vuole diventare una scrittrice, poi c’è la dolcissima e sensibile Beth, suona divinamente il piano, aiuta sempre tutti, compresi gli animali ed ha una salute cagionevole, infine Amy, 11 anni, adora la pittura, è vanitosa e litiga spesso con Jo.

Durante un Pic nic con il padre, Jo scopre l’esercito sudista che sta entrando in città, cosà che fa allarmare il capofamiglia che di corsa torna in esercito e manda la sua famiglia a Plumfield, a casa della zia Marta March, una donna fredda e severa che nutre qualche rancore con George.

Zia Marta da subito comincia ad avere dei problemi con Jo ed il suo carattere tanto lontano dai canoni femminile di quel periodo, nel frattempo, Mary, e le due figlie maggiori, cercano lavoro e casa. Meg riuscirà a trovare lavoro come baby sitter e Jo cerca impiego nel giornale locale.

Con il passare del tempo le ragazze, cominceranno ad essere valutate differentemente dalla Zia Marta, ed anche dopo aver trovato casa, Jo, andrà spesso a visitare la zia. Con la nuova casa la famiglia comincia a mettere apposto le cose, e per la felicità della dolce Beth, in sala si trova un pianoforte scordato che comincia a mettere apposto.

Accanto a loro, abita la famiglia Lawrence, composta da un ricco signore e suo nipote Laurie, studente universitario. Sarà proprio il Sig Lawrence a fare una festa da ballo al quale verranno invitate anche Meg e Jo con un vestito da ballo regalatogli dalla zia Marta.

A causa di una bruciatura sull’abito, Jo sarà costretta a stare durante la serata attaccata al muro, ma sarà in quella circostanza che incontrerà il suo futuro grande amico Laurie.

Quando Jo scopre che a casa Lawrence c’è un mega piano, cerca da far venire anche Beth, che piano, piano comincia a suonarlo addolcendo anche il vecchio burbero Lawrence, che conseguentemente gli regala il pianoforte che suonava la sua adorata nipotina, morta all’età di Beth.

Dopo tanto tempo passato ascrivere, il caporedattore di Jo, gli pubblica un suo romanzo sul giornale, ma la felicità viene soppressa dalla notizia che il padre è gravemente ferito a Washington e che la madre deve trovare i soldi per accorrere in suo aiuto. La situazione è grave, tanto che Jo, disperata, vende i suoi capelli per pagare il biglietto del treno della madre.

Durante l’inverno, la povera Beth, per aiutare un bambino della famiglia Hummel, viene colpita dalla scarlattina in maniera pesante, Amy viene portata dalla Zia Marta, ma la fortuna sta dalla parte delle March e la dolce Beth guarisce, ma la malattia ha solo peggiorato la sua salute.

Finita la guerra, Meg riceve la proposta di matrimonio dall’insegnante di Laurie, John Brooks, mentre George, ritornato dalla guerra, fa pace con la Zia Marta. Jo intenzionata a diventare una scrittrice, segue Anthony, il suo capo, a New York, Laurie rimane deluso dalla decisione di Jo, poiché sperava un giorno di sposarla, e la piccola Amy, voce narrante della serie animata, sarà colei che infine sposerà Laurie.

Attualmente Una per tutte, tutte per una va in onda su Italia 1 alle 07.45.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>