Pechino express torna su rai due con Costantino Della Gherardesca

di Valentina Petulla 1

Costantino-Della-gherardesca

Dopo averlo visto semi nudo in una tinozza e in tanti altri momenti imbarazzanti che ha affrontato con una compostezza  e una comicità davvero sopra le righe, lo rivedremo  in autunno nel reality show Pechino express su rai2. E questa volta non sarà un concorrente.  Già, perchè  alla conduzione del noto programma  non ci sarà più Emanuele Filiberto di Savoia ma Costantino della Gherardesca. 

Alla fine della scorsa edizione di Pechino Express arrivò terzo, in coppia con il nipote Barù, da lui considerato quasi un fratello, e riuscì nel giro di due mesi,  tra prove di viaggio e di vita  che emozionarono molti spettatori, a colpire l’attenzione del pubblico come uno dei protagonisti. Personaggio sui generis,  conosciuto per i suoi modi non proprio ortodossi ma comunque simpatici, l’aristocratico Costantino Della Gherardesca,  entrato in tv nel 2000 e portato al successo da Piero Chiambretti  si definisce  pigro, prepotente, disordinato e con le mani bucate.

Vista la descrizione che fa di sè siamo sicuri che  riuscirà a sostituire il fascino del principe;  rispetto al temperamento del precedente conduttore del programma, Emanuele Filiberto di Savoia ( che  l’anno scorso  riuscì a condurre in maniera discreta e a togliersi di dosso l’etichetta di mancato ballerino affiabbiatogli da  Ballando con le Stelle ) dovrà adattarsi ad un personaggio che sarà a suo agio in giro per il mondo con le coppie di famosi,  oltre che a condurre e a  muovere i fili del programma e delle storie dei concorrenti.  Una bella responsabilità.

Intanto a confermare la notizia di questo cambio di scetro è  stato il settimanale TV Sorrisi e Canzoni, che ha anticipato anche le nuove location del programma  come Vietnam, Laos, Cambogia e Thailandia.  Tra i partecipanti che dovranno sfidare i paesi asiatici  con un regolamento tutto nuovo, si fanno i nomi di Massimiliano Rosolino, Francesca Fioretti, Clemente russo, Eleonoire Casalegno, Claudio d’alessio e Corinne Clery.

Rispondi