Chi l’ha visto, puntata 23 gennaio: Roberta Ragusa, Elisa Claps, Yara Gambirasio, Los Roques

di Marziano Torresi Commenta

 Questa sera nuovo appuntamento con Chi l’ha visto. Nel programma di Rai Tre sulle persone scomparse si parlerà del caso di Roberta Ragusa e del mistero della brevissima telefonata: il cellulare del marito svela che la sera della scomparsa della donna lui fece una telefonata di pochissimi secondi alla sua amante. Perché? Le telefonate precedenti erano state molto più lunghe. Forse Roberta lo ha scoperto e lui ha interrotto bruscamente? È uno degli interrogativi che si pone la Procura che dovrà decidere nei prossimi mesi se archiviare la posizione di Antonio Logli oppure chiedere il rinvio a giudizio con l’accusa infamante di aver ucciso e poi occultato il corpo della moglie.

Chi l’ha visto tratterà anche del caso del giovane scomparso a Milano. Gli amici che abitano con lui affermano che si è allontanato per andare in giro per locali. Ma i suoi cellulari sono rimasti attaccati al caricabatterie, nella sua stanza. Come mai? I familiari sono convinti che sia successo qualcosa di grave.

Aggiornamenti anche sul caso Elisa Claps. La Procura di Salerno ha chiesto ai giudici inglesi la consegna temporanea di Danilo Restivo in occasione del processo di appello per l’omicidio di Elisa Claps che inizierà a Salerno il 29 gennaio. Restivo che per l’omicidio della Claps è stato condannato in primo grado a 30 anni di reclusione, con rito abbreviato, è attualmente detenuto in Gran Bretagna per l’omicidio di un’altra donna, Heather Barnett. Dopo il 29 gennaio, le altre udienze del processo di appello sono fissate al 5 e al12 febbraio.

Federica Sciarelli parlerà anche del caso di Yara. La famiglia della ragazzina ha fatto analizzare le intercettazioni di Mohammed Fikri. Nella conversazione con la fidanzata pare che il marocchino sia a conoscenza dell’identità dell’assassino della Gambirasio, Infine aggiornamenti sull’areo precipitato a Los Roques. Chi l’ha visto torna alle 21.10 su Rai Tre.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>