Caterina Balivo: “Senza il lavoro ho pianto e sono stata male”

di Marziano Torresi Commenta

Per Caterina Balivo è arrivato il momento di ritornare in tv. Dal 18 marzo sarà la padrona di casa del pomeriggio di Rai due con Detto fatto. La conduttrice, intervistata da Sorrisi e canzoni, ha ammesso di aver pianto una volta saputo di essere stata messa da parte dalla tv:

Per sette anni mi sono occupata del pomeriggio Rai. Sei anni su Rai Uno con Festa Italiana, un anno su Rai Due con Pomeriggio sul 2. I risultati mi davano ragione, poi all’improvviso il black out. Mi hanno privato del mio lavoro. Ho pianto, lo ammetto, sono stata male. Accidenti, se stavo male. Essere privati del lavoro scatena un dolore bestiale.

Caterina ci tiene a ringraziare pubblicamente Mediaset, in particolare Chiambretti, Toffanin e Panicucci per averla invitata come ospite nelle loro trasmissioni:

Prima di parlare Detto Fatto mi faccia ringraziare Mediaset. In questi mesi persone come Silvia Toffanin, Piero Chiambretti e Federica Panicucci mi hanno spesso invitato nei loro programmi, facendomi sentire viva.

E prosegue

(Detto fatto. Ndr) È dedicato alle persone comuni. A chi vuole organizzare il matrimonio perfetto, cambiare look o imparare a cucinare: noi realizziamo i loro piccoli sogni. In studio ci sarò io insieme con alcuni coach: nutrizionisti, stilisti, arredatori. Esperti di ogni settore insomma. Detto Fatto è un esperimento, è la risposta alle domande che la gente si pone tutti i giorni.

Detto Fatto andrà in onda dalle 14 alle 16 dal lunedì al venerdì. Sono previste in tutto 60 puntate. Con Parliamone in famiglia il pomeriggio di Rai Due oscillava tra i 400 mila e 500 mila telespettatori, attualmente le serie tv riescono a toccare il milione di telespettatori (in particolare Cold Case, mentre Numbers e Las Vegas si attestano tra i 600 e i 700 mila). Riuscirà Caterina Balivo a fare meglio dei serial americani e addirittura ritornare ai fasti di Pomeriggio sul 2?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>