Fatti in TiVù | Addio a Philip Seymour Hoffman, Gazebo va male, Woody Allen risponde alle accuse di abusi sessuali

di Elide Messineo Commenta

In queste ore il web e Hollywood piangono la scomparsa prematura di Philip Seymour Hoffman, uno degli attori più talentuosi che il cinema ci abbia regalato.

Aveva 46 anni ed è stato trovato morto nel suo appartamento di Manhattan, probabilmente a causa di un’overdose di eroina. L’attore aveva già avuto problemi in passato, nel maggio dello scorso anno era stato in un centro di recupero, i soccorsi lo hanno trovato con un ago nel braccio. Premio Oscar per “Capote” e Coppa Volpi per “The Master”, Hoffman è stato un grandissimo attore ma non è riuscito a vincere la battaglia più importante della sua vita.

Rimanendo sempre a Hollywood, Woody Allen è stato accusato da Dylan Farrow, la figlioccia ha raccontato di aver subìto abusi sessuali all’età di 7 anni, all’epoca in cui il regista stava con Mia Farrow e scoppiò lo scandalo quando decise di lasciarla per un’altra figlia adottiva, Soon Yi-Previn, che tutt’oggi è sua moglie. Woody Allen ha replicato alle accuse, definendole false e scandalose:

È tragico che una storia inventata da un’amante vendicativa torni a galla dopo 20 anni e dopo che le autorità indipendenti l’hanno esaminata e respinta. La responsabilità della sofferenza di Dylan non è né di Allen né della stessa Dylan.

Dal cinema passiamo alla tv e a Gazebo, programma che va in onda su Rai 3 in seconda serata ma che non sembra andare affatto bene. Zoro e Makkox saranno degli ottimi professionisti ma probabilmente non hanno avuto il giusto effetto tra i telespettatori, forse perché il programma stesso non è impostato correttamente: tra le vignette e i tweet, che sono già visti in tempo reale da chi vive il web in prima persona (quindi tutti ormai), è risultato un programma poco interessante, che ha uno share basso e di “strascico”, cioè comprende gli spettatori che stavano seguendo il programma precedente.

Dalla tv invece passiamo a fatti bizzarri: Bill Standley era un uomo di 84 innamoratissimo della sua Harley Davidson, al punto che ha deciso di farsi seppellire con la sua moto. Il risultato è alquanto singolare, è stato imbalsamato sulla moto dentro una bara di plexiglass. In questo caso non vale nemmeno la formula “finché morte non ci separi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>