Egyptian Radio and Television Union, otto giornaliste sospese perché in sovrappeso

E poi dicono che l’aspetto fisico non conta nulla: non in Egitto a quanto pare. La Egyptian Radio and Television Union (ERTU) lo scorso 14 Agosto ha sospeso un numero imprecisato fra le sei e le otto conduttrici televisive. Il motivo?

Sono in sovrappeso. La televisione di stato ha concesso loro un mese di tempo per dimagrire e recuperare un aspetto consono alla televisione. Le polemiche sono scattate immediatamente dato che il Centro egiziano per l’orientamento e la consapevolezza giuridica delle donne ha definito la decisione dell’ERTU anticostituzionale.

Come può esserci discriminazione contro le donne in un istituto gestito da una donna?

Ha replicato alle accuse la Hagazy, direttrice della rete che ha respinto le accuse di decisione sessista aggiungendo. A distanza di qualche giorno le cose non sono cambiate: la ERTU si è rifiutata di cambiare rotta confermando che le retribuzioni e i benefits delle otto donne saranno sospesi fino a dimagrimento ottenuto. Nel frattempo le giornaliste potranno continuare a lavorare dietro la redazione.

Lascia un commento