Urbex, ogni mercoledì su Rai 4 l’esplorazione urbana

di Antonio Ruggiero Commenta

Alla scoperta delle proprie paure, il nuovo programma di Rai 4 affronta vette vertiginose e pericoli all’ordine del giorno per i nostri nuovi incauti protagonisti

Al via da mercoledì 23 novembre alle 22.00 Urbex, in prima visione su Rai 4: dopo le spettacolari esplorazioni urbane iniziate con Monument Crew, il canale propone ogni mercoledì la serie che in 8 episodi in giro per il mondo, da Mosca a Dubai, porta il pubblico alla scoperta di un nuovo mondo e di una nuova avventura: l’Urban Exploration.

Urbex è il termine con cui viene indicata l’esplorazione urbana, la scoperta di luoghi nascosti nelle grandi città, dove nuovi avventurieri contemporanei portano gli spettatori su panorami mozzafiato regalando brividi di adrenalina.

Sette giovani tra i 20 e i 30 anni, provenienti da background, esperienze, culture e paesi totalmente diversi, sono i protagonisti di questo viaggio adrenalinico alla ricerca continua di territori da conoscere, edifici da scalare, sfide da superare sui bordi dei grattacieli.

Tra loro, alcuni degli esploratori urbani più rinomati al mondo: Oleg Cricket, Vitaliy Raskalov e Vadim Makhorov.

Ogni episodio di Urbex si sviluppa in due note città e focalizza l’attenzione in territori spesso abbandonati.

Melbourne, Mosca, Mumbai, Copenaghen, Toronto, Dubai e Marsiglia alcune delle mete toccate.

L’esplorazione urbana definisce ciò che significa essere un esploratore moderno: gli Urbexer scalano gli edifici più alti del mondo nei luoghi più folli, eludendo le guardie di sicurezza.

Il tutto, allo scopo di appagare la loro vita. Raccontata attraverso gli occhi e le voci della gamma internazionale di esploratori, Urbex porta l’azione direttamente sul video con un accesso totale.

La storia è cruda, le voci sono reali e le vertigini sono del tutto legittime.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>