Domenica In, ogni domenica dal 2 Ottobre su Rai 1

di Fabiana Commenta

Pippo Baudo torna al timone della nuova Domenica In tra rubriche e attualità. Accanto a lui Chiara Francini e Manuela Zero.

Tutto cambia e nulla cambia in Rai con l’avvio della nuova Domenica In che compie 40 anni e che prende il via domenica 2 Ottobre su Rai 1. 

Quest’anno la più longeva della trasmissioni italiane sarà condotta dal veterano Pippo Baudo (per la tredicesima volta) affiancato dall’attrice toscana Chiara Francini.

Domenica In è un programma importante nella storia del Paese; anche in passato c’è stata l’idea di porre fine a questa esperienza, invece quest’anno l’idea è di rilanciare il marchio. L’obiettivo è proporre al pubblico una domenica pomeriggio piacevole, godibile, di contenuti di spessore per irrobustire l’offerta editoriale della rete in una fascia di alta visibilità per il canale. 

Ha dichiarato Fabiano, direttore di Rai 1.

Il contenitore pomeridiano si rinnova: non sarà nostalgico, ma legato all’attualità, con una serie di rubriche e di appuntamenti che andranno dal cinema al teatro, dalla musica alla danza, dalla presentazione di libri alle mostre d’arte più prestigiose della settimana. Accanto a Pippo Baudo, Chiara Francini, attrice di cinema, fiction e teatro che si misura per la prima volta con la televisione.

In studio, l’orchestra di 12 elementi diretta dal maestro Bruno Biriaco avrà un ruolo di centrale per ripercorrere la storia della musica italiana e internazionale di ieri e di oggi: protagonista musicale della trasmissione sarà la giovane cantante e showgirl, Manuela Zero.

Non mancherà uno spazio dedicato ai 40 anni di Domenica in”, che per la prima puntata sarà dedicato a Corrado, presentatore storico delle prime tre edizioni del programma.

crediti foto IWAN PALOMBI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>