Heather Parisi: “Vivo la vita che volevo”

di Redazione Commenta

La showgirl Heather Parisi, che si è trasferita ad Hong Kong dopo una carriera eccezionale in Italia, ha sposato in gran segreto il compagno Umberto Anzolin: alcune dichiarazioni dalla showgirl subito dopo il salto.

La showgirl ha dichiarato:

Vivo la vita che volevo senza rimpianti per quello che è stato. Ho avuto una carriera meravigliosa, vissuto momenti indimenticabili, ma sarei solo potuta scendere. No, grazie. Svegliarmi oggi sapendo di poter dedicare tutta la mia giornata a Umberto e ai bimbi mi riempie di gioia e amore. Ringrazio ogni mattina non so chi, non sono atea ma non riesco a credere pienamente in un Dio. Il calore della famiglia è ciò che ho sempre desiderato, sin da piccola forse perché i miei genitori erano divorziati e non ho avuto un’infanzia serena nel senso classico del termine; solo a Natale respiravo aria di famiglia tradizionale, a casa di mio nonno, un vero uomo del sud. Era un personaggio carismatico, viveva in una villa immensa, con la piscina, i cavalli, un grande parco e per farmi felice mi faceva trovare sotto l’albero delle scarpette da ballo nuove o dischi di musica classica su cui ballare. Poi, a 13 anni, il regalo più grosso, permettermi di andare a vivere da sola a San Francisco per studiare danza.

Infine, Heather parla di Umberto e delle nozze:

Non che avessimo bisogno di un certificato, ma era il nostro desiderio di sempre. Ci sembrava il giusto suggello a una storia unica, preziosa e speciale. Umberto mi conosce come la sua mano, non mi sono mai sentita così amata e protetta. Uno più uno, a casa nostra è uguale a uno e poi era il sogno dei gemelli, non vedevano l’ora che lo facessimo. Per fortuna non hanno avuto da ridire sull’abito, al posto del consueto bianco ho scelto un vestito rosa di Valentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>