Alda D’Eusanio: la regina del salotto Rai

di Giulia Tarroni 8

La conduttrice e giornalista TV Alda D’Eusanio, nata in un paesino in provincia di Chieti, Tollo, il 14 ottobre del 1950, dopo la laurea conseguita a pieni voti in sociologia con una tesi sull’Open University, diventò giornalista professionista.

Dal 1988 al 1995 è stata inviata, capo redattrice e conduttrice del TG2. prima conducendo il programma Stanotte poi conducendo il telegiornale delle 19.45. Alda è stata anche autrice e regista di numerosi programmi e documentari Rai: da Rocco un bambino di quattro anni, ciclo sul mutamento culturale nel mondo contadino, a L’Italia a schede sulle storia di dieci città italiane.

Sempre su RaiDue ha ideato e condotto L’Italia in diretta ed il settimanale di attualità Domani è un altro giorno, cui si sono susseguiti altri programmi quali il reality Un pugno o una carezza, Punto e a capo, e La scienza tra le due guerre, Qualcosa è cambiato, e nel 2006 Il malloppo.

Nel 1999 Alda conduce il format pomeridiano Al posto tuo, sicuramente il programma con il quale è diventata famosa al grande pubblico, ma che è stato forte bersaglio di critiche in relazione alle storie spesso non veritiere che venivano raccontate. Ha condotto nel 2007 il talk show Ricomincio da qui, sempre in onda su Rai Due.

Alda ha anche collaborato con numerose testate giornalistiche e settimanali quali Gente, Oggi, Il Messaggero, L’Indipendente, Scienza 2000, oltre ad aver scritto tre libri: Il peccato in Parlamento, L’albero socialista e La legge della droga.

Questa sera Alda torna in prima serata con il programma Ricominciare, in onda su Rai Due: scopriremo quali nuove storie ci racconterà e quali protagonisti della storia sociale-politica saprà far tornare alla ribalta.

Curiosità: Alda D’Eusanio negli anni novanta venne soprannominata La Zarina per il suo presunto potere televisivo e sociale e per la sua amicizia con Bettino Craxi, leader del PSI. Alda fu anche al centro di numerose polemiche per una maglietta indossata durante una sua trasmissione con la scritta Dalla non è un cantante ma un consiglio.

Alda d’Eusanio era sposata con il sociologo del PSI Gianni Statera, scomparso anni fa, al quale è ancora molto legata e che ricorda spesso con immutata stima ed amore.

Commenti (8)

  1. alda sei grandeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ti adoro, adoro il modo in cui conduci, sei bellissima e di una professionalità + unica che rara!!
    complimentissimi, ieri 4 maggio 2009 hai fatto 2 milioni e 400 mila spettatori che sn tanti, visto che andavano in onda i cesaroni!!
    grandissima!! continua così!!

  2. era giusto svecchiare rai due ,,,,, ma il probema è un altro … che non è giusto assoluramnente ,.. non far lavorare delle persone professioniste …. come paolo limiti … raffaella carrà ….. e Alda d eusanio .. secondo me … è meglio che si cambi pensiero …. perchè … tutti devono lavorare ……. e non bisogna fare privilegi con nessuno … devono tutti mangiare e campare famiglie ……..
    io farei una cosa ….. la d eusanio … la mettrei .. ai fatti vostri ………..vi aguro che caPITE IL MIO DISCORSO …. E METTRE IL GIUSTO ……… VI AGURO BUONA SERATA … A PRESTO

  3. E’ inaccettabile che la Rai non faccia lavorare piu’ una grande professionista come la D’Eusanio.

  4. ciao alda! Sono M.DOMENICA di Palata sono una tua fans e ammiratrice, e non solo anche mia madre ti ha conosciuta di persona , sei venuta a casa mia con ines. Ieri 10-04-2011 vedendoti in tv mi sei piaciuta moltissimo, sono rimasta colpita per la bella poesia sei una bellissima persona molto profonda. Vorrei abbracciarti di persona ho bisogno ancora di te…rispondimi ti prego.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>