Utopia, Fox USA acquista i diritti del nuovo reality show

Utopia è un grande progetto ideato da John de Mol che sembra quasi ricordare più The Truman Show che Big Brother: non a caso, ne avevamo parlato qualche tempo fa su Mondoreality come un reality che si basa sull’impostazione di Grande Fratello, ma l’interesse che genera sembra andare oltre: non a caso, il nuovo reality immaginato dall’inventore (si fa per dire) del reality per eccellenza -rimasto di proprietà di Endemol– è stato acquistato dalla Fox americana. Lo scopo dello show? Formare attraverso l’interazione tra estranei una nuova società in un anno.

Grandi manovre in casa Endemol ma anche altrove

C’è aria di grande manovre nel campo delle produzioni televisive, sugli scudi Endemol una delle società più importanti del settore che vede tornare a se in veste di figliol prodigo Elisa Ambanelli, dimessasi a luglio dalla direzione di All Music, dopo aver visto fallire il nuovo corso dell’emittente, avviato positivamente tempo addietro, per mancanza dei necessari riscontri di pubblico e commerciali.

La Ambanelli che aveva già lavorato in Endemol, rientra con l’incarico di CCO (Chief Creative Officer) dell’intrattenimento che le conferisce la responsabilità dei programmi di intrattenimento leggero e del Dipartimento Format e Acquisizioni. Una scelta voluta da Paolo Bassetti, presidente e amministratore delegato di Endemol Italia e condivisa con la Holding Endemol:“Ho vagliato numerose proposte nel breve periodo di pausa che ho scelto di prendere. Sono sicura di aver fatto per me la scelta più stimolante, Endemol Italia è una grande realtà produttiva che sono certa mi consentirà di crescere ancora professionalmente. Sono felice di rientrare in Endemol e di tornare a lavorare con Paolo Bassetti che ha sempre creduto nelle mie capacità e nell’apporto che la mia personale esperienza può dare all’azienda”. Ha dichiarato la Ambanelli.

Per una naturale legge della compensazione nello stesso periodo sempre la Endemol vede andar via una delle figure di primo piano, quel Marco Tombolini che in veste di direttore generale, tanto aveva contribuito in passato a rendere lustro lo stellone dell’azienda legando il proprio nome a format di successo come Grande Fratello, I Migliori Anni, Affari Tuoi, Il Treno dei Desideri. All’orizzonte per lui nuovi quanto interessanti traguardi legati allo “sbarco” anche in Italia di due nuove società di produzione nel campo dei format, che in queste ore si stanno contendendo il suo ingaggio.

Pier Silvio Berlusconi diventa creativo con Endemol

Niente da dire: concordiamo tutti sul fatto che c’è grossa crisi per quello che riguarda la creatività in tivu. Quest’affermazione è talmente ridondante che mi viene voglia di sostituirla, ma mi sembra un’intestazione corretta, soprattutto alla luce flebile del barlume di speranza rappresentato da ciò di cui sto per parlarvi.

Pier Silvio Berlusconi sembra attualmente molto interessato al lavoro di Endemol. Endemol è una società controllata per il 33 % da Mediaset stessa, al cui vertice stanno John De Mol e la banca d’affari Goldman Sachs.

Il compito di Endemol consiste nell’inventare programmi. I format del futuro sono dunque nelle loro mani. Pier Silvio ha deciso di dare una svolta, facendo passare Mediaset da “cliente” della società a partner attivo, in grado di investire col proprio estro sulla creazione dei programmi stessi.