L’Olimpiade nascosta su Raiuno

di Sebastiano Cascone Commenta

Nei campi di detenzione militari di Langwasser e Woldenberg, ai confini di Germania e Polonia, furono rinchiusi dai tedeschi prigionieri di guerra di numerose nazioni europee. E’ in questi luoghi, dalla fama triste per la durezza delle condizioni di vita, che si svolsero nel 1940 e nel 1944 edizioni clandestine di competizioni olimpiche: la XII e la XIII Olimpiade, che ufficialmente risultano come non disputate a causa della guerra. Furono i reclusi in quei campi di prigionia che scelsero di riscattare la propria dignità di esseri umani tenendo alta la bandiera dello sport e della civiltà di fronte alla barbarie nazista.

Prende spunto da quegli eventi il film (in due puntate) di Alfredo Peyretti L’0limpiade Nascosta (in onda stasera e domani in prima serata su Raiuno), intepretato da Cristiana Capotondi e Alessandro Roja e con Gary Lewis, Andrea Bosca e Johannes Brandrup. Soggetto e sceneggiatura sono firmati da Maura Nuccetelli, Fabrizio Bettelli e Francesco Miccichè. Una storia davvero toccante che Rai propone al pubblico anche in vista della prossima edizione delle Olimpiadi di Londra 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>