L’amore proibito su Raiuno

di Diego Odello 1

Questa sera su Raiuno andrà in onda L’amore proibito, il film tv poliziesco diretto da Anna Negri, scritto da Andrea Purgatori e Sibilla Barbieri, prodotto da Rai Fiction e Cineteam.

La fiction, presentata come un thriller mozzafiato costruito attorno ad un’appassionante storia d’amore, racconta la storia di Emma (Claudia Zanella), una giovane e bella volontaria che lavora in carcere che, durante l’allestimento di uno spettacolo, s’innamora di Valerio (Adriano Giannini), un uomo che sette anni prima era stato arrestato con i suoi due complici, Marco (Ivano De Matteo) e Claudio (Francesco Venditti), per aver rapinato un aereo carico di diamanti (mai ritrovati).

Emma, che vorrebbe potersi vivere la sua relazione serenamente, viene travolta dagli avvenimenti: uno dei tre banditi viene rilasciato in semilibertà vigilata e recupera la refurtiva. Il commissario Anna Spina (Lidia Vitale), che sta cercando di incriminare i rapinatori anche per l’omicidio di un poliziotto morto durante la loro fuga, dopo essere entrata in possesso dei diamanti scopre che sono falsi e capisce che uno del gruppo ha tradito gli altri, dato che qualcuno gli ha sostituiti prima di finire dietro le sbarre. Emma è costretta suo malgrado ad essere al centro dello scontro tra Valerio, sempre più innamorato di lei e pronto a tutto per dimostrare la sua innocenza, e i suoi due complici Marco e Claudio che si alleano contro di lui. La ragazza sarà usata dalla polizia stessa come una pedina per arrivare alla verità.

Curiosità: la fiction è stata presentata nell’estate del 2007 al RomaFictionFest.

Se cercate un giallo ricco di colpi di scena, che nonostante il mix tra thriller e romance vuole affrontare anche il tema sociale dell’affettività nei penitenziari italiani, non perdetevi alle 21.20 su Raiuno L’amore proibito.

Commenti (1)

  1. bell’impiastro di tv finto- alternativa,incerta nello scegliere la strada della verità attraverso l’uso di una lingua a metà tra il dialetto e l’italiano dei telegiornali, ancora più finta perchè spaccia messaggi nazional-popolar-catto-banali per originali e veri, con un uso del linguaggio ancor più improponibile di certa fiction dichiaratamente commerciale. Inguardabile, insentibile, fastidiosa, supponente,vergognosa. D’altra parte niente di nuovo in questo desolante e avvilente panorama televiso specchio di un paese vittima di una quasi totale povertà intellettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>