La ladra su Raiuno a settembre: video, backstage, foto e dichiarazioni di Veronica Pivetti

di Redazione 6

A fine settembre su Raiuno andrà in onda La ladra, la fiction in dodici puntate da cinquanta minuti l’una, prodotta da Endemol Italia, scritta da Dido Castelli, Giovanna Gra, Cecilia Calvi, Anna Samueli e Francesca Panzarella, diretta da Francesco Vicario, con Veronica Pivetti, Johannes Brandrup, Lia Tanzi, Daniela Terreri e Micol Azzurro.

La fiction, presentata al RomaFictionFest 2010, racconta la storia di Eva Marsiglia (Pivetti), una chef di giorno, amante della cucina mediterranea e proprietaria del ristorante Il frutto proibito, una ladra di notte con la passione di Robin Hood e la destrezza di Arsenio Lupin. Eva è una madre single con un figlio adolescente e una storia difficile con Dante Mistretta (Brandrup), il suo cuoco in seconda, che conduce quotidianamente una vita tranquilla salvo trasformarsi la notte per mettere a segno i suoi colpi insieme alle sue amiche Gina (Terreri), la cameriera, Lola (Azzurro), la parrucchiera, e Andreina (Tanzi), la farmacista.

Veronica Pivetti spiega così la fiction, che quasi sicuramente avrà una seconda stagione (fonte Il Tempo):

Diciamo che è una commedia sentimentale, molto tendente al comico. È la storia di una donna con un passato da ladra legato a un uomo. Rimane incinta e il suo compagno la abbandona. Allora lei cambia vita e apre un ristorante. Ma se c’è bisogno sa anche mettere in campo le sue doti da ladra, ma stavolta con scopi benefici.

L’attrice a Il giornale di Vicenza aggiunge:

La Ladra è una storia molto divertente, a metà strada tra I soliti ignoti e L’armata Brancaleone e sono certa che i telespettatori la potranno apprezzare. Il mio personaggio è insieme politicamente scorretto e corretto: i colpi messi a segno, piccoli o meno, mirano a vendicare chi ha subito un’ingiustizia, andare in aiuto dei più deboli, rubare ai cattivi per dare ai buoni. In un Paese sempre più prepotente, la mia Eva ce l’ha con i prepotenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>