The Dresden Files: il fascino dell’occulto su Fox

di Enzo Mauri 3

La magia arriva su Fox (Sky, canale 110), grazie a The Dresden Files, serie tv in dodici episodi in onda ogni sabato alle 21 con doppio appuntamento. Trasmessa per la prima volta negli Usa dal canale Sci Fi dal 21 gennaio del 2007 fino al 14 aprile, The Dresden Files, ha dovuto fare i conti con la sorte avversa che l’ha vista cancellare dai palinsesti per scarso riscontro di pubblico, motivo per cui la stagione in onda è rimasta l’unica.

Tratto dalla serie letteraria Storm Front di Jim Butcher, il telefilm racconta la storia del detective Harry Dresden (Paul Blackthorne – 24, Medium, ER, Deadwood), in possesso di qualità sovrannaturali che gli consentono risolvere i casi più incredibili in una Chicago dominata da mostri e incantesimi.

Proprio nella prima puntata andata in onda ieri dal titolo Due gocce d’acqua, il detective Dresden, corre in aiuto di un bimbo che afferma di vedere dei mostri, solo il nostro eroe dotato di speciali facoltà è in grado di credergli e alla fine di risolvere il caso. Il protagonista della serie si propone nelle vesti di un detective- mago, l’unico presente sull’elenco del telefono, a metà strada tra le Streghe della fortunata serie televisiva e Melinda Gordon di Ghost Whisperer, ma con qualche asso in più nella manica.


Durante le vicende da lui stesso narrate in prima persona, scopriamo che Dresden non è del tutto in grado di dominare gli eccezionali poteri, trovandosi spesso a lottare contro la sua mente dove alberga la personalità demoniaca di Lasciel, angelo caduto in grado di potenziarne le facoltà in senso distruttivo. Specializzato in incantesimi e in grado di individuarli ove esistano, il mago-detective non manca di farsi aiutare nel corso delle sue indagini da creature sovrannaturali fra cui Bob, (Terrence Mann – Critters, Law and Order) fantasma centenario, dispensatore di consigli.

Questo singolare protagonista dell’occulto ha dei trascorsi che giustificano in pieno il suo coinvolgimento in storie che di reale hanno ben poco, una caratteristica della trama che se in un primo momento avrebbe dovuto rivelarsi il punto di forza della serie, di fatto ne ha segnato la fine.

Dai racconti di Jim Butcher scopriamo che la madre di Harry è la potente maga Margaret Lefay, morta di parto. Harry viene quindi cresciuto dal padre fino a sei anni quando anche l’altro genitore muore per un male incurabile, a questo punto viene adottato dal mago Justin Dumorne, divenendone l’apprendista e in seguito suo assassino. Una personalità complessa quella di Dresden dove il bene e il male sono in eterno conflitto e a cui comunque non manca una buona dose di umorismo.

Gli altri protagonisti della serie sono Connie Murphy (Valerie Cruz – Nip/Tuck, Grey’s Anatomy, Las Vegas) ), ispettore capo di un’unità speciale della Polizia, che si rivolge a Harry ogni volta che ha a che fare con casi particolari, il tenente Kirmani (Raoul Bhaneja) e Morgan (Conrad Coates –The L Word, Star Trek), membro dell’Alto Consiglio dei Maghi. Tra i produttori di The Dresden Files compare anche il nome di Nicolas Cage.

Commenti (3)

  1. Una serie particolare per gli amanti dell’occulto e del mistero. L’attore che interpreta Harry Dresden calato appieno nel personaggio. Un consiglio GUARDATELA. La stagione di 12 episodi vi catturerà. Peccato che anche questa non avrà un seguito.

  2. Valerio, hai la certezza matematica che non esisterà mai un seguito? Io mi sono innamorato di questa serie.. porcaccia.. ogni volta che spunta qualcosa di decente la gente lo boccia… non è possibile!! 🙁

  3. la serie è molto interessante, adesso la stò vedendo su fx, peccato che non abbia avuto un seguito anche perchè effettivamente vedo serie come lost…fortunatamente io mi sono fermato a metà della seconda serie, e non vedo un seguito per henry. un bacio a utti gli appassionati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>