Swingtown da questa sera su Raiquattro

di Benedetta Guerra 4

Da questa sera su Rai4 alle 22, comincia in prima visione assoluta la serie di Mike Kelley in onda sulla CBS, quella che è riuscita a scandalizzare il popolo americano, raccontando la vita di tre famiglie di Chicago negli anni settanta, che piano, piano scoprono la vera libertà sessuale: sto parlando di Swingtown.

La serie è composta da tredici puntata, ogni puntata è una vera e propria ricostruzione ambientale del periodo, in ogni minimo dettaglio, dalle case alla musica, dai costumi alla scenografia, una perfetta ricostruzione del periodo più liberale della storia americana e del mondo.

Il Pilot è ambientato nel ’76 durante il bicentenario della Indipendenza Americana, in cui la popolazione americana era divisa tra festeggiare la nazione, commemorare i morti della Guerra del Vietnam che li aveva resi deboli, o non festeggiare affatto a causa della crisi economica che c’era stata fino a poco tempo prima.

La serie è ambientata in un periodo in cui non era facile crescere i figli, in cui i valori tradizionali erano andati altrove, dove la ribellione e la libertà estesa su tutti i fronti, erano l’unica cosa di cui il giovane popolo americano aveva bisogno.

La serie racconta la vita di tre coppie di trentenni, Bruce Miller (Jack Davenport) e Susan Miller (Molly Parker) che si sono da poco trasferiti a Chicago, quì  fanno conoscenza con Tom Decker (Grant Show) e sua moglie Tina Decker (Lana Parrilla), una coppia aperta e per nulla tradizionalista che ha come vicini e amici la famiglia di Roger Thompson (Josh Hopkins) e sua Moglie Janet (Miriam Shor).

I Miller hanno dei figli BJ Miller (Aaron Christian Howles) e Laurie Miller (Shanna Collins), che vivono in maniera più aperta dei loro genitori la viota sessuale e tutto il cambiamento che c’è in atto.

La serie è stata presentata così da Giorgio Buscaglia, responsabile fiction e serie tv della seconda rete Rai, al Telefilm Festival:

E’ una soap spregiudicata che racconta la vita di tre famiglie negli anni ‘70. Per lo sciopero degli sceneggiatori il suo debutto è stato rimandato al 3 giugno per 13 episodi. Quest’anno la stagione tv si è chiusa più tardi e hanno deciso di non tenere l’estate a bagnomaria. Pensate a Oc che partì d’estate con una big season. Anche Swingtown è stata lanciata d’estate e potrebbe avere delle possibilità di un debutto estivo anche da noi. Non è da prima serata e la vedrete su RaiDue o su RaiTre. Ci teniamo a darle un buon doppiaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>