Donna Detective 2, riassunto settima puntata

di Redazione 1

Ieri sera è andata in onda la settima puntata di Donna Detective 2. Nel primo episodio, dal titolo Omicidio on line, una coppia ritrova il corpo di una donna nuda in una vasca all’interno di un residence e con un sacchetto di plastica che le copre il volto. Lisa Milani (Luisa Lante Della Rovere) parla del dischetto scomparso con l’ispettore Nanni (Flavio Montrucchio). I due credono che i responsabili della scomparsa possano essere sia Grazia Bini (Anna Ammirati), che l‘ispettore Giancarlo Spina (Massimiliano Benvenuto).

La donna uccisa è Gloria Mercuri. E’ stata soffocata con una busta di plastica. Lisa si occupa dell’indagine e nel frattempo cerca di evitare Grazia e l’ispettore Spina, che potrebbero essere eventuali talpe. Lisa informa il Dottor Alberto Giordano (Toni Garrani) che qualcuno all’interno della sua squadra stia sabotando le indagini del caso Parente. Lisa e l’ispettore Nanni scoprono che tra Grazia e l’ispettore Spina ci sia una relazione.

Riguardo il caso della morte di Gloria, l‘ispettore Milani crede che la donna sia stata uccisa da un uomo conosciuto online. Informa di tale ipotesi al magistrato Maurizio Farnese (Luca Ward). Lisa ha compreso che la talpa che ha rubato il dischetto con delle prove importanti per l’indagine sulla morte del signor Parente sia stato l’ispettore Spina, ma il commissario Giordano non vuole crederle e la esorta a chiudere il caso. Nonostante tali ostacoli, Lisa decide di interrogare l’ex moglie dell’ispettore Spina, il cui nome è Angelica Loreto. L’ispettore scopre da dove provengono i messaggi inviati online dall’assassino di Gloria.

Tra Lisa e Michele (Kaspar Capparoni), che al momento vivono in due case diverse per una questione di sicurezza, la relazione non procede per il verso giusto. Viene interrogato dagli ispettori Spina e Milani, Livio Guerra, ragazzo che lavora all’interno di una libreria. Lisa non è convinta che sia stato lui ad uccidere Gloria. In realtà, l’assassina era la sua collega di lavoro, invidiosa del successo di Gloria nella danza, motivo per cui aveva contattato la donna fingendosi un uomo interessato a lei e l’aveva uccisa. Chiara Valli (Hélène Nardini) incita Michele a dire la verità sulla sua cisti alla moglie, ma il medico non ha intenzione di parlargliene.

Nel secondo episodio, dal titolo La stanza 222, viene ucciso Aldo Menotti all’interno di una camera d’albergo.  Si tratta di un professore universitario ucciso a colpi di pistola. Michele informa la figlia Ludovica (Sara Santostasi) che la relazione con la madre ha un pò di alti e bassi, ma confida nel sentimento che prova nei confronti della moglie e viceversa. Riguardo il caso del professore universitario, viene interrogata l’addetta ai piani. Probabilmente l’uomo che doveva essere ucciso non era il professor Menotti, ma il signor Gerard. I due, infatti, avevano scambiato la stanza per un piccolo problema alle tubature.

Grazia chiede a Lisa il motivo della sua lontananza nei suoi confronti. Lisa le spiega di aver scoperto che l’ispettore Spina (con cui ha una relazione), è corrotto. Grazia va via sconvolta e chiede spiegazioni a Giancarlo, che nega tutto e va via di casa. Si scopre che a voler uccidere il signor Gerard, sono la moglie e l’amante di origine italiana che sembra aver assoldato un killer per compiere l’omicidio. L’uomo, al momento si trova all’aeroporto di Fiumicino per compiere il delitto. Il killer assoldato viene arrestato e confessa.

Giancarlo Spina, nei guai fino al collo e per paura di essere scoperto, si suicida sparandosi un colpo di pistola in bocca. Grazia dà la colpa a Lisa per quanto accaduto, ma vuole scoprire la verità e si rende conto che quanto detto da Lisa è vero. Lisa e l’ispettore Nanni trascorrono la serata insieme. Il poliziotto cerca un approccio più intimo, ma l’ispettore rifiuta il suo bacio. Li trova insieme il marito Michele, che va via adirato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>