Baby Squillo dei Parioli, nuova fiction tv su “Professione Lolita”

di Redazione Commenta

Lucisano Media Group ha opzionato i diritti del romanzo Professione Lolita per portare sul piccolo schermo lo scandalo delle baby squillo dei Parioli: l’opera del giornalista e scrittore Daniele Autieri dipinge una Roma piegata da corruzione, sesso e droga, specchio dell’inchiesta che ha rivelato la vicenda della prostituzione minorile; il cronista di Repubblica nel 2013 aveva seguito l vicenda e rivelato i retroscena delle giovanissime romane, permettendo ai carabinieri del Nucleo investigativo di smascherare un giro internazionale di produzione di materiale pedopornografico legato al mondo delle minorenni della Capitale.


Al centro del romanzo una generazione disperata, adolescenti disposte a tutto per soldi, cocaina o per il desiderio di sentirsi importanti. Per questo arrivano perfino a vendere il loro corpo a uomini senza scrupoli, ma anche e soprattutto a persone perbene come politici, imprenditori e giudici. Spetterà a un ruvido capitano dei carabinieri di Roma il compito di sbrogliare la matassa dell’intrigo. Per consegnare i colpevoli alla giustizia, e provare a salvare le giovani vittime dello sfruttamento. Professione Lolita è un romanzo ricco di colpi di scena scanditi da una narrazione rapida e incisiva, che Paola Lucisano, responsabile delle produzioni televisive di Italian International Film ha scelto di opzionare per la realizzazione di una trasposizione audiovisiva destinata a diventare una fiction televisiva. La stessa Lucisano ha dichiarato che lo spettacolo potrebbe essere perfetto con la linea editoriale di Sky Atlantic:

Con Romanzo Criminale, Gomorra e 1992 Sky ha già aperto un filone importante su alcuni fatti drammatici della cronaca italiana, cogliendone anche gli aspetti più crudi. La televisione ha il potere e il dovere di raccontare la realtà che ci circonda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>