Anna e i cinque: il riassunto della seconda puntata

di Redazione Commenta

Iera sera, dopo un buon inizio, è andata in onda la seconda puntata di Anna e i cinque. Nell’episodio di ieri Anna (Sabrina Ferilli) ha risolto numerosi problemi presenti nella famiglia Ferrari, riuscendo a comprendere i problemi dei ragazzi ed aiutandoli nelle loro difficoltà. Giacomo, dopo aver combinato dei guai a scuola per attirare l’attenzione, grazie all’intervento di Anna, riesce a ricostruire un buon rapporto con suo padre Ferdinando (Pierre Cosso).

Anna difende Giovanna dai rimproveri di una maleducata insegnante di danza classica e viene indirizzata verso le sue vere attitudini. Lucia, già affezionatissima alla tata, parla dopo tanto tempo e Carolina e Filippo vengono aiutati nelle loro problematiche adolescenziali. Il buon lavoro di Anna viene ripagato da Ferdinando con l’assunzione definitiva, nonostante la diffidenza della perfida Alessia (Jane Alexander).

Anna deve, comunque, affrontare ancora molti problemi, derivanti dalla pressione effettuata su di lei dal Secco (Franco Castellano): il suo fidanzato Tony (Raoul Cremona) progetta, per trarla in salvo, una rapina proprio in casa dei Ferrari. Anna può contare, però, sull’ aiuto di Nicola (Riccardo Garrone) e dei suoi amici, gli unici che conoscono la vera identità della donna. Saranno proprio loro a tirar fuori dai guai l’affascinante tata, compilando un curriculum falso e consegnandolo alla sospettosa Alessia, venuta ad abitare in casa Ferrari.

Alla fine della puntata si presenta un altro problema per Anna: Ferdinando, per motivi di lavoro, si reca al Chicago a vedere uno spettacolo di Nina Monamour (l’alter ego di Anna). Sarà riuscita Anna, usando una benda sul viso, a mantenere segreta la sua identità? Lo sapremo domani, alle 21.10, su Canale5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>