Scene da un matrimonio, intervista a Davide Mengacci: “Torno, ma senza il trash”

di Chiara Laganà Commenta

Davide Mengacci è tornato con il suo Scene da un matrimonio in TV. Il programma che l’aveva lanciato negli anni ’90, il presentatore TV ha parlato del suo ritorno a TV Sorrisi e Canzoni, a seguire le anticipazioni.

Davide Mengacci ha parlato delle differenze fra il programma di culto e questo “reboot”:

Il primo fu lo ‘Scene’ storico, quello che lanciò un genere. Tre anni fa tornai limitandomi a raccontare i momenti più felici dell’evento, dal lancio del riso al banchetto. Stavolta sono un narratore presente ma non troppo. Ma la vera novità è la seconda parte di ogni puntata, visto che all’epoca il programma durava 24 minuti e stavolta sono 110.

La seconda parte sarà dedicata alle coppie che “ha sposato” negli anni ’90:

Andrò a ritrovare alcuni coniugi che ho sposato negli Anni 90, per scoprire che cosa è stato della loro vita: dalle gioie alle delusioni, dai figli alle traversie della vita. Per capire come sono invecchiati, calvizie e pancetta compresa, in un continuo confronto di immagini fra passato e presente.

Scene da un matrimonio di oggi è cambiato, quest’anno sarà meno trash dell’originale:

Il tasso di trash c’era, sì, ma era legato alla coppia: si passava da quella popolana e irresistibile a quella più elegante. Oggi cambierà tutto: basta prese in giro. Darò informazioni, racconterò ciò che la gente non può vedere o che non arriva dalle immagini, ma non andrò più a intervistare lo zio caciarone che non conosce i suoi parenti. Quell’approccio è vecchio, e molti di quei siparietti forse hanno fatto il loro tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>