Mostra del Cinema di Venezia 2011 e Nastro Azzurro: un Flash Mob per la campagna Say Yes

di Francesca Spano 2

Dire si alla vita e alle meravigliose quanto inaspettate sorprese che molto spesso ci regala e il cinema, in questo senso, rappresenta una sorta di “finestra” sull’esistenza di ognuno di noi, favorendo indispensabili momenti di evasione. In quella dimensione spazio-temporale in cui ci trasporta tutte le volte che ci sediamo in sala si può vivere una esperienza unica, perchè frutto di un perfetto mix di storia personale, passato e sogni. Il paradiso dove il meglio di quest’arte viene presentato in una vetrina internazionale a cui prendono parte divi di tutto i mondo, è la Mostra del Cinema di Venezia, giunta alla 68° edizione e ancora una volta arricchita anche dagli eventi che il suo speciale sponsor propone. La Nastro Azzurro, infatti, è riuscita a stupire tutti ancora una volta e non solo con la sua birra di altissima qualità. Se a luglio aveva dato vita all’ormai nota campagna Say Yes, un invito gioioso e coinvolgente a diventare protagonisti del proprio vissuto aprendosi al mondo con un si convinto, adesso ha lasciato senza parole i presenti con un Flash Mob inaspettato. Sulla spiaggia dell’Excelsior del Lido di Venezia, quindi, è apparsa una scritta umana che riprendeva proprio lo slogan in questione.

Se i fotografi erano tutti presi dalla bellezza della madrina della kermesse Vittoria Puccini o del fascino dell’hollywoodiano attore-regista George Clooney ormai senza la sua Elisabetta Canalis,  nel giorno dell’inaugurazione un evento collaterale sorprendeva tutti, in primo luogo gli artisti appena giunti sulla mitica terrazza dell’albergo. Circa un centinaio i “mobbers” provenienti da tutta Italia per una campagna di comunicazione che sta strappando consensi in ogni dove e persino al di là della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia.

All’appuntamento di social comunication tra i più originali degli ultimi anni, si sono uniti operatori e cultori di cinema presenti al Lido e la scritta Say Yes, ovviamente era di colore azzurro lo stesso che contraddistingue il noto brand della birra. Qual’è stato il significato profondo del flash mob? Si è trattato di un invito a dire SI al cinema, un messaggio positivo che poi può essere adattato alla vita di tutti i giorni di ognuno di noi. E’ forte non chi sa dire di no, ma chi accetta di interagire con gli altri e di condividere le proprie esperienze non chiudendosi a riccio. Per una iniziativa tutta italiana come quella della mostra del cinema, serviva un messaggio forte e incisivo che già dall’inizio dell’estate sta raccogliendo i meritati consensi portando lo stile italiano anche nel mondo della birra. Quest’ultima del resto non manca mai quando ci si ritrova in compagnia ed è il simbolo del divertimento sano, di chi non vuole superare i limiti ma non rinuncia ad assaporare ogni secondo della propria vita, sempre firmando i propri momenti con Nastro Azzurro, espressione di stile, eleganza e glamour italiano anche fuori dai confini nazionali.

 

Rispondi