Si Può Fare, finale del 30 Maggio: vince Maddalena Corvaglia

di Antonio Ruggiero Commenta

Venerdì 30 Maggio alle 21.10 su Rai 1, Carlo Conti conduce in diretta il quinto ed ultimo imperdibile appuntamento di Si Può Fare, il non talent tramutato in varietà che promette un appuntamento conclusivo ricco di sorprese e che decreta il campione assoluto di questa prima edizione; come per le altre serate, in giuria ritroviamo Pippo Baudo, Amanda Lear e Yuri Chechi.

Nella prima parte della finalissima di Si Può Fare, riflettori ancora puntati sulle spettacolari sfide dei 12 protagonisti: Federica Nargi e Sergio Muniz si contendono la vittoria a colpi di bacino e di coraggio nella difficile prova con l’Hula Hoop di Fuoco; secondo scontro diretto per Maddalena Corvaglia e Karin Proia che, dopo l’esibizione di burlesque, si trasformano in magnifiche sirene per gli spettacolari tuffi nella Water Bowl, mentre Maria Amelia Monti e Massimiliano Ossini volteggiano a due metri da terra come splendide Farfalle sui Trampoli.

Marco Columbro e Sergio Friscia danno prova di tutta la loro destrezza nella sfida del Giocoliere di Cappelli, Luca Marin e Andrea Lo Cicero si cimentano nelle infinite rotazioni della Danza Tannura; e ancora danza per il terzo faccia a faccia tra Catherine Spaak e Vanessa Hessler, impegnate con grazia e sensualità nell’antica arte della Danza del Ventre.

Dopo l’acceso duello per conquistare i primi posti della classifica generale e accedere così alla fase finale, vediamo trionfare uno dei 12 protagonisti di questa prima edizione di Si Può Fare: Conti ha chiesto a tutti i concorrenti di esprimere un singolo voto di preferenza verso uno dei compagni di quest’avventura e, una volta sommati questi numeri con quelli della giuria, è risultato che a vincere il programma di Rai 1 è Maddalena Corvaglia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>