Legami (Laços de Sangue), la soap portoghese su Rai1: Trama

di Antonio Ruggiero Commenta

Rai 1 propone da sabato 24 Maggio in prima serata le prime due puntate della soap portoghese Legàmi (dal titolo originale Laços de Sangue): seguendo l’esempio di Canale 5, l’ammiraglia di Mediaset che rivolge sempre più la sua offerta verso simili contenuti che garantiscono un certo successo in termini di ascolti, anche la prima rete della tv pubblica tenta questa strada debuttando al sabato sera con un prodotto che ha riscosso un enorme successo.

Laços de Sangue/Legami ha infatti portato ottimi ascolti in tutti i paesi dov’è stata trasmessa, avendo ottenuto anche un Emmy Award come miglior telenovela nel 2011, oltre a una nomination ai Golden Globe in Portogallo: le prime due puntate vanno in onda sabato 24 Maggio in prima serata, per poi spostare la soap dovrebbe nel programmazione del pomeriggio di Rai 1, sempre che anche in Italia ci siano buoni risultati auditel.




 

Trama

Portogallo, 1984. Una ricca famiglia decide di trascorrere il pomeriggio sulle rive di un fiume nel nord del Paese. Le bambine, Ines e Marta, giocando iniziano a litigare per una bambola e finiscono in acqua. Il padre riesce a salvare Ines ma muore mentre cerca di trarre in salvo Marta. Una coppia, la cui figlia è morta da poco, trova quest’ultima lungo la strada, sola, smarrita e ferita; decide di trarla in salvo prendendosi cura di lei e portandola a Lisbona.

Marta per loro diventerà Diana assumendo il nome della loro figlioletta morta. Un salto temporale ci porta nel 2010. Diana, da sempre afflitta dalla povertà in cui vive la sua famiglia, ascolta fortuitamente una conversazione tra i suoi genitori e viene a sapere di non essere la loro figlia naturale. Inizia così ad indagare sul suo passato e scopre chi è la sua vera famiglia.

Da questo momento in poi, l’unico obiettivo di Diana, sarà quello di vendicarsi della sorella e riprendersi la vita che, per colpa di Ines, ha perso, a partire dai beni materiali, fino ad arrivare al fidanzato, João, grazie all’aiuto di Ricardo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>