Agrodolce: dall’8 settembre su Raitre un romanzo popolare siciliano

di Redazione 3

Agrodolce, la nuova soap della Rai, prodotta dalla Einstein Multimedia in collaborazione con la Regione Sicilia (per il 45%, si parla di 24 milioni di Euro l’anno), andrà in onda dall’8 settembre su Raitre, alle 20.05, prima di Un posto al sole.

Della telenovela di 230 puntate si è parlato molto, dal 2006, quando fu lo stesso Pippo Baudo a spingere perché si facesse una soap in Sicilia, fino a Minoli che presentandola l’ha definita un romanzo popolare ambientato in Sicilia, ma in tutto questo parlare, le notizie sono state frammentarie e confuse.

Cerchiamo di mettere ordine tutte le conoscenze che abbiamo in una semplice scheda per punti:


Trama: a Lumera, cittadina siciliana immaginaria, che si affaccia sul mare, diciannove persone (pescatori, imprenditori, operai, casalinghe, insegnanti, medici, nobili decaduti, poliziotti e mafiosi), che formano sei famiglie di provenienza sociale differente, vivono i loro problemi quotidiani (molti raccontati tra i banchi di scuola) sommati a quelli della loro regione. La storia si può leggere anche come una professoressa che vuole cambiare il futuro dei suoi ragazzi e un poliziotto amico di un mafioso.

Personaggi: Lena; insegnante di un istituto agrario; Lucia, medico che ha studiato in Inghilterra prima di far ritorno al suo paesello d’origine; Turi Granata (Orio Scaduto), pescatore buono, ma sfortunato; Tuccio Cutò (Alessio Vassallo), mafioso; Gemma Martonara (Barbara Tabita), figlia dell’ispettore di polizia; Stefano Martonara (Vincenzo Ferrera) ispettore di polizia.

Altri interpreti: Serena Autieri e Maria Grazia Cucinotta sicure; David Sef e Lorenzo Patanè probabili.

Location: Porticello, S.Elia, S.Flavia e Termini Imerese.

La produzione: 157 persone danno vita a 5 puntate a settimana registrate in studios, che permettono particolari movimenti alla macchina da presa, che conferiscono alla scena una profondità incredibile di qualità cinematografica.

Colonna sonora: composta dal musicista Andrea Guerra; liriche curate da Cheope; Rita Botto, cantante ufficiale, interpreterà una decina di brani.

Il sito: www.agrodolce.net

Curiosità: la soap andrà in onda, da Lunedì a Venerdì, senza spot per i primi tre mesi.

Commenti (3)

  1. Bene, ora anche fiction sull’entroterra siciliano….mafiosi, polizia e donne caritatevoli. Basta! L’italia non è solo mafia, pizza, preti e storie strappa lacrime!

  2. rispondo a Gill:
    preferisci una schifezza come Beautiful?…
    Agrodolce parla di situazioni reali, romanzate (come tutte le produzioni tv o cinematografiche) ma reali. O ti piacciono gli stucchevoli sceneggiati (oggi si chiamano fiction) polizieschi o quelli orrendi dei pronto soccorso ospedalieri?
    Agrodolce è sì uno spaccato di vita siciliana, o meridionale che sia, ma è anche lo specchio più vicino e più vero delle difficoltà di vita dei nostri giorni, al sud, al nord, ovunque. Molto più efficace dei falsi “grande fratello” e “isola dei famosi”. Molto più importante, e utile, nel dare lavoro a tanta gente. Nel dare, anche, un senso (forse oggi quasi perduto) dell’innamorarsi davvero… Io spero che Agrodolce torni presto. Prova a vederlo con altro animo, Gill! Gianni Basi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>