Fear Factor: temerari a confronto

di Enzo Mauri 2

Cosa sareste disposti ad affrontare per una somma di denaro, diciamo 50.000 dollari? Con i tempi che corrono e la crisi economica che avanza non ci stupiremmo se un reality come Fear Factor ( Fattore Paura), avesse successo anche in Italia.

Il pubblico nostrano è ormai talmente predisposto verso show che oltre a dare un notevole ritorno mediatico, consentono anche di incassare somme di una certa entità, che pare strano come un programma del genere non sia ancora approdato sulla nostra tv. In realtà qualche anno fa nel 2005 il canale Sky Vivo (109), propose alcune puntate dell’edizione americana, ora ritrasmessa da Axn (Sky,134), ma la cosa non ebbe poi seguito. Ora i tempi potrebbero essere maturi anche per uno show fatto in Italia.

Una piccola anticipazione l’abbiamo avuta con il reality 1, 2, 3 Stalla! su Canale 5, andato in onda nel 2007, nella prima versione prima che venisse modificata per motivi di audience, ricorderete come le ragazze partecipanti venissero sottoposte a prove a dir poco discutibili, non sarà forse un caso che sia la Endemol la medesima casa di produzione di entrambi i reality, fatto che sta che Fear Factor offre delle sequenze in alcuni casi ributtanti, a cui neanche il recente La Talpa si è dimostrato immune. (la prova con i serpenti trasportati in bocca ha lasciato il segno).

Ma cos’è Fear Factor? Un reality cosiddetto estremo, in cui i concorrenti si confrontano con le paure ancestrali che connotano ciascun essere umano. Nato in Olanda con il titolo di Neverland, è stato poi distribuito in 106 Paesi, approda negli Stati Uniti sugli schermi della Nbc nel 2001 con l’attuale titolo, da allora sono state realizzate sei stagioni. Nel reality tre uomini e tre donne, divenuti poi quattro coppie nell’ultima edizione si sottopongono alle prove più dure, pur di arrivare alla conquista dell’ambito premio.

Sotto gli occhi del presentatore Joe Rogan, una ragazza con la testa infilata in un contenitore di plastica trasparente, si fa inondare da un nugolo di topi, la concorrente urla, gli effetti sulla psiche potrebbero essere drammatici, ma la gente a casa guarda divertita e incuriosita, i numeri parlano da soli con punte di 16 milioni di telespettatori e un parco a tema realizzato agli Universal Sudios di Los Angeles e San Francisco. Cosa si prova a camminare in una piscina piena di calamari in putrefazione? O essere rinchiusi in un ambiente pieno di serpenti da cui non si può assolutamente uscire? Altra prova a cui si può essere sottoposti, è ingerire uno scarafaggio o dei vermi ad esempio e se il concorrente non riesce il premio viene dimezzato.

Pensandoci bene prove del genere le abbiamo viste anche in Ciao Darwin con Paolo Bonolis: in molti si sono abbeverati alla fonte di Fear Factor, peccato (si fa per dire) che l’ultima edizione (quella del 2006) non sia andata benissimo e la NBC abbia deciso di sopprimerla.

Rispondi