Io Canto, rivoluzione con Mara Maionchi caposquadra: dirà addio alle parolacce?

di Redazione Commenta

IO CANTO CAMBIA TUTTO – L’obiettivo è diversificarsi per sempre da Ti lascio una canzone di Antonella Clerici, baby talent che ha creato su Rai1 e poi clonato su Canale 5. Roberto Cenci riuscirà nell’impresa? Lo capiremo in autunno.

MARA MAIONCHI – La grandissima novità di Io Canto è la divisione in quattro squadre: al momento possiamo solo dire che Roberto Cenci ha chiesto all’ex giudice di X Factor e Amici, la vulcanica Mara Maionchi, non di far parte della giuria bensì di indossare la divisa da caposquadra. Ecco cosa dice Cenci a TgCom24:

La novità di quest’anno è che metteremo assieme delle squadre di cantanti e di ballerini capeggiati da un vip. In questo ricreeremo una atmosfera di gioco. Un modo anche per evitare qualche piccola polemica legata in passato a Ti lascio una canzone ma anche perché è giusto che questi ragazzi si divertano“.

55 BAMBINI, CANTANTI E BALLERINI – Pare che per le prime tre puntate saranno valutati circa 55 bambini in modo poi da formare le squadre, ma quest’anno ci sarà spazio anche per i ballerini, dal momento che in vista della semifinale è previsto un grande musical. Naturalmente alla conduzione troveremo ancora Gerry Scotti.

LO ZIO GERRY – Personalmente, credo che Gerry Scotti sia il più indicato per questo tipo di show. Con la sua condizione all’americana e mai buonista risulta molto più adatto della dirimpettaia Antonella Clerici, che lo scorso autunno ha confezionato la più brutta edizione di Ti lascio una canzone, trasformando il baby talent nella versione per minorenni di X Factor, addirittura con l’assegnazione di voti negativi ai bambini (ricordo ancora con orrore Pupo che riuscì a far piangere una piccola cantante dopo averle rifilato un 4).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>