Dimmi la verità: il nuovo show di Rai Uno

di Enzo Mauri 10

La coppia scoppia? Non nella nuova trasmissione del sabato sera Dimmi La Verità, condotta da Caterina Balivo, per tre sabato alle 21.30. Il programma, format originale di Endemol Italia e Rai, prevede che cinque coppie, composte da un vip e dal rispettivo consorte, si sfidino in prove varie fra cui canto e ballo per poi arrivare al giudizio finale della famigerata macchina della verità.

Sulle note di Cuore Matto by Little Tony da cui è stata tratta la frase che da il titolo alla trasmissione, le cinque coppie protagoniste di ieri sera sono state Marco Columbro con la compagna Stefania Santini, Licia Colò e il marito Alessandro Antonino, Kristian Ghedina e la fidanzata Patrizia Aurer, Andrea Roncato e la fidanzata Alessandra Nardo, Angela Melillo e il marito Ezio Bastianelli.

Caterina Balivo, signora in giallo, da dimostrazione di trovarsi a suo agio in questo nuovo ruolo di madrina del sabato sera che appare come una promozione dopo il successo di Festa Italiana nel pomeriggio di Raiuno. Certo che qualcosa non deve aver funzionato a dovere durante l’iter della trasmissione, visti i diversi tagli in fase di montaggio, sebbene non troppo percettibili che abbiamo notato soprattutto nella prima parte del programma, ma è un numero zero per cosi dire, quindi qualche imprecisione è perdonabile.


A onorare il titolo le cinque coppie si esibiscono i canti e balli, dicono cosa pensano l’uno dell’altra nella prova T’amo e T’odio, confessano la loro intimità nella fase Sesso e Lode, il tutto all’insegna della verità, tutta la verità.

Al temine di ogni prova, il pubblico composto da cento uomini e cento donne, elegge la coppia che ha saputo esibirsi meglio, mentre le altre decidono quella che deve essere esclusa. Alla fine ne restano solo due, che dovranno sottoporsi alla macchina della verità utilizzata nei processi americani e ritenuta quindi attendibile. Uno dei due componenti la coppia, pone alcune domande al consorte collegato alla machina della verità per verificarne l’autenticità d’intenti. “L’esame”, viene presenziato dal professor Josè Fernandez De Landa.

Le coppie sono sembrate tutte a proprio agio (Columbro e consorte vincitori della serata in testa), in particolare i partner meno avvezzi alla scena sono riusciti a farsi coinvolgere dal clima di festa che fa da cornice alla trasmissione, rendendola gradevole, in particolare la stessa Alessandra Nardo, la giovane compagna di Andrea Roncato, dopo un prima fase di comprensibile disorientamento si è sciolta sul finale.

Un po’ Ballando con le stelle, un po’ I Raccomandati, il programma con Caterina Balivo mostra una sconcertante affinità con lo show di Raidue, Se Sbagli Ti Mollo condotto due anni fa da Monica Leofreddi e Gabriele Cirilli, l’originalità non è certo tra i suoi punti di forza, ma appare piacevole e adatto all’attempato pubblico del sabato sera estivo.

Per concludere è giusto ricordare la parte musicale curata dall’orchestra di Demo Morselli, mentre le coreografie sono di Rita Pivano.

Commenti (10)

  1. La trasmissione televisiva “Dimmi la verità” condotta dalla Caterina Balivo che va in onda su Rai1 il martedì alle ore 21,10, sarebbe interessante se fosse condotta con meno “ENFASI FEMMINISTA”. Su precedenti trasmissioni messe in onda,, è evidentissimo che si vuole mettere in “ridicolo” soltanto il mondo maschile, estraendo a caso (ma non è così) soltanto il “maschio” che deve rispondere alle domande, a volte imbarazzanti, delle donne! Perchè, invece, per “parcondicio” non si invertono anche le parti (prima la macchina della verità si applica su uno della coppia e poi sull’altro)? Sarebbe una TV all’insegna della “parità uomo/donna”, non vi pare? Credevo che il femminismo fosse solo patrimonio di Rai 3!! Finiamola con questi giochetti da donne che insinuano negativamente nei confronti del mondo maschile. Almeno Rai1 NON LO DOVREBBE FARE! Gradirei un cenno di risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>