Torna Stracult su Rai 2 con Nino Frassica e Andrea Delogu

di Redazione Commenta

Nino Frassica e Andrea Delogu sono i nuovi conduttori di Stracult, il magazine di Rai 2 dedicato al cinema italiano di genere, che ritorna da mercoledì 16 Luglio alle 23:30 con una nuova edizione dal Teatro delle Vittorie di Roma, trasformato nel salotto variopinto di Marco Giusti, con i due conduttori (e la complicità dei The Pills, fenomeni della rete e dei social network) ci conducono nel mondo dell’audiovisivo tra cinema, serie tv e fenomeni della rete.

Ospiti della prima puntata di Stracult sono il regista Sydney Sibilia e Valerio Aprea, protagonista del suo film Smetto Quando Voglio, per parlare della nuova comicità nel cinema italiano; nella seconda parte del programma, inolte, Enrico Vanzina, Francesco Massaro, Galliano Juso, Giorgio Bracardi, Mario Marenco e Maurizio Micheli ricordano gli anni eroici del loro film stracult I Carabbinieri, che dette vita ad un genere particolare.

Molte le novità della nuova edizione, a partire dalla conduttrice Andrea Delogu, twitstar e autrice del libro di successo La Collina, insieme alla partecipazione del gruppo musicale Statale 66, che propone dal vivo celebri brani di colonne sonore di cinema stracult; come si accennava all’inizio, ogni settimana il trio The Pills è presente per proporre un particolare video dedicato al cinema.

Nino Frassica assieme ad una giuria di esperti (Francesco Scali, Luigi Leoni e Clemente Russo) propone, infine, il Premio Stracult: primo vincitore, il ciociaro Tony De Bonis, regista di capolavori come Tarzan nella macchia di Ceccano; riconfermate le presenze storiche del programma, il rapper G-Max e il mago Francesco Scimemi. Il programma terminerà a settembre con due puntate speciali, in onda da Venezia durante il Festival del Cinema.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>