Kilimangiaro, 7 febbraio su Rai 3: Barra, Kanninen, Fabrizi

di Redazione Commenta

Nella puntata di Kilimangiaro di domenica 7 febbraio ospite di Camila Raznovich su Rai 3, l’attore teatrale Peppe Barra per raccontare, in un viaggio antropologico a 360°, le maschere più significative del carnevale in Italia e nel mondo; torna la biologa Mariasole Bianco e il pescatore Paolo Fanciulli promotore di un’operazione innovativa, i dissuasori artistici, che associa la scultura subacquea alla tutela dei fondali marini a Talamone, in Toscana.


Con la giornalista e conduttrice finlandese Ella Kanninen, da anni trasferitasi in Italia, per mettere a confronto lo stivale con la Finlandia, scoprendo i punti in comune tra la cultura nordica e quella mediterranea, come si integrano e come si differenziano; per l’Osservatorio Internazionale Romana Fabrizi del Tg3, per uno sguardo sulle zone calde del pianeta; con lei Marco Scarpati, professore universitario e presidente di Ecpat Italia (organizzazione che in 70 Paesi del mondo lotta da sempre contro lo sfruttamento sessuale dei minori).

Nuovi documentari al Kilimangiaro, partendo dalla Francia nella Valle della Loira da Orléan a Bourges, per poi andare a Vanuatu e raccontare un arcipelago inviolato dove la natura è padrona; dunque in Malesia viaggiando nello Stato di Pahang; in Belize, nell’ex Honduras britannico e in America, dal Texas alla California, proseguendo in Islanda, in Israele a Gerusalemme e finire con una crociera sul Volga, il fiume dei Tartari.

Nuovo appuntamento con i couchsurfers del Kilimangiaro, Simone Chiesa e Anna Luciani che arrivano a Sao Luis capitale colonica del Maranhao. E ancora, diciottesima tappa de Il Borgo dei Borghi a Fornelli in Molise, mentre Fabio Toncelli, Il Cacciatore di Paesaggi, va Siracusa tra le rovine della Magna Grecia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>