Eva su Raidue: la Riccobono conduce il programma di divulgazione scientifica

di Sebastiano Cascone Commenta

In un’ex acciaieria milanese – luogo in equilibrio tra passato e futuro, rimodellato dalla “magia” della luce – spettacolo e scienza si fondono in un nuovo esperimento televisivo: Eva, il programma di Raidue in onda per sette puntate da stasera alle 21.05. Padrona di casa, Eva Riccobono, che porta la sua bellezza sul piccolo schermo e debutta come conduttrice televisiva, pronta a svelare le piccole e grandi meraviglie della scienza.

I grandi fenomeni naturali, le nuove tecnologie, le scienze comportamentali, il corpo umano, le nuove frontiere della medicina e altre curiosità: tutto questo è Eva, un format inedito che – nelle intenzioni degli autori – cerca di percorrer Così, nella prima puntata, l’obiettivo è puntato sul cervello, messo sotto osservazione quando entra “in contatto” il territorio impegnativo della scienza con un “passo” leggero, ironico e divertito, attraverso filmati provenienti dalla migliore documentaristica internazionale, servizi autoprodotti sulle eccellenze della ricerca italiana, esperimenti curiosi, ma anche test esilaranti, in un mix di approfondimento scientifico e curiosità divertenti. O con i sette peccati capitali; sull’accoppiata – spesso denigrata – tra sport e sesso; sul volto come mappa delle emozioni; sulle nuove fonti di energia pulita; sui segreti della longevità e su Venere, l’eterno pianeta dell’amore.

Ospite fisso del programma, l’esperto scientifico Massimo Polidoro (scrittore, giornalista, co-fondatore e segretario del CICAP, il Comitato Italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale), è la guida ufficiale nel mondo del sapere, mentre un inedito Costantino Della Gherardesca indaga sul delicato equilibrio tra energia sessuale e energia sportiva nei maratoneti “irriducibili”.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>