Animal Underworld con Henry Rollins, da questa sera alle 21.00 su Nat Geo Wild

di Benedetta Guerra Commenta

Da questa sera alle 21.00, va in onda su Nat Geo Wild (canale 409 di Sky) Animal Underworld con Henry Rollins in viaggio per il mondo alla scoperta del ruolo degli animali nelle diverse culture.

Durante le tappe del viaggio, potremo assisteremo a particolari riti religiosi tuttora praticati da alcune popolazioni nel mondo, visiteremo il tempio dei ratti e guarderemo da vicino una congregazione che utilizza i serpenti nei rituali di culto.

Rollins ci insegnerà l’importanza degli animali nella composizione di droghe realizzate in tutto il mondo, come per esempio la bile degli orsi, il veleno dei serpenti usato come antidoto, le ghiandole dei rospi adoperate per produrre allucinogeni.

Nel primo episodio intitolato “Ossessione fatale” Henry Rollins esplora il mondo del gator wrestling e del combattimento illegale con gli animali. La domanda è: Perché alcune persone scelgono di combattere con alcuni degli animali più pericolosi del mondo? Cosa spinge una persona a lottare con un coccodrillo di 10 metri? Oppure a dare la caccia e catturare un cinghiale? Dov’è il confine tra “civilizzato” e “selvaggio”?

Martedì 10 l’episodio sarà intitolato “Il culto degli animali”. Henry Rollins indaga sul perché si è ossessionati dagli animali, sulle ragioni di questa ossessione e sui culti praticati da popolazioni che considerano degli animali la chiave di accesso per potersi rapportare al divino.

Martedì 17 l’episodio intitolato “Fame selvaggia” condurrà il conduttore in North Carolina, dove incontrerà una comunità che si ciba di animali morti sulla strada, e in India e in Vietnam, dove mostrerà le crudeli pratiche alle quali vengono sottoposte alcune specie animali, inoltre Rollins esaminerà il ruolo di alcuni animali nel campo culinario e medico. Perché diverse creature sono considerate commestibili in alcune culture mentre per altre sono sacre?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>