Domenica In: Massimo Giletti, Lorella Cuccarini e Sonia Grey su Raiuno

di Diego Odello 46

Domani su Raiuno andrà in onda la prima puntata della nuova stagione di Domenica In, il contenitore domenicale della rete ammiraglia Rai, che terrà compagnia per quasi cinque ore i propri telespettatori, prima di cedere la linea a L’eredità. Il contenitore quest’anno sarà formato da tre programmi: Domenica In L’arena, Domenica In … Amori e Domenica In … onda.

L’arena, che aprirà il pomeriggio alle 14.00 e si protrarrà fino alle 15.50, sarà nuovamente condotta da Massimo Giletti (autori Mario Audino, Fabio Buttarelli, Annamaria De Nittis e Massimo Giletti) e tratterà temi di grande attualità, con l’ausilio di filmati e di esperti in studio. La novità di questa edizione consiste nell’aggiunta di una rubrica settimanale, L’arena Protagonisti, nella quale Giletti incontrerà ogni settimana un personaggio di primo piano del nostro tempo.

Domenica In … Amori, che andrà in onda dalle 15.50 alle 16.15 sarà uno spazio dedicato ai sentimenti forti e alle passioni, condotto da Sonia Grey (autori Massimo Cinque, Gilda Sabetti), con gli interventi di Maurizio Battista e Luca Giurato: in 25 minuti, si parlerà di amori travolgenti del passato, quelli appena sbocciati del presente e quelli possibili del futuro. Prevista anche la rubrica della posta del cuore, per narrare di piccoli grandi storie di tutti i giorni ([email protected])

Domenica In … Onda, prevista dalle 16.15 alle 18.50, sarà condotta da Lorella Cuccarini (autori Flavio Andreini, Bruno Longhini, Antonio Miglietta, Paolo Taggi e Luca Tommassini) dallo studio Nomentano 4 della Dear in Roma. La conduttrice sarà affiancata da Massimiliano Rosolino e proporrà interviste, giochi (il telefonico Fratelli d’Italia, che chiederà al telespettatore di indovinare la provenienza di tre persone del pubblico), musica (con l’accompagnamento del Maestro Sabiu) ed emozioni sincere.

Massimo Giletti in conferenza stampa annuncia:

Faremo leggere una poesia a personaggi diversi tra i quali ci sono Francesco Totti, Dino Zoff, Alessandro Del Piero, Gigi Buffon, il sindaco Letizia Moratti, Fernando Alonso, la scienziata Margherita Hack e Giulio Andreotti.

Il direttore di Raiuno Mauro Mazza parla di Lorella Cuccarini:

L’ho chiamata perché Lorella non solo è una grande professionista, ma è in forma smagliante. E allora perché non può essere ancora lei la più amata degli italiani? Solo gli ascolti ci consegneranno la risposta, ma sono ottimista.

Lorella Cuccarini, al suo ritorno in Rai, rivela:

Sono felicissima di esserci e di essere tornata: il 5 ottobre festeggio 25 anni di televisione. Mi sento quella ragazza di 20 anni che ha debuttato con Pippo Baudo. Il fatto che ho preso il suo posto mi dà un’idea di continuità. L’ho sentito e mi ha detto che è molto contento per questa mia possibilità. Per me è come tornare a casa perché è da qui che ho cominciato. All’interno dello studio ci sarà una casa in cui intervisteremo protagonisti di nuovi film e fiction: i mobili parleranno e faranno domande ‘scorrette’ agli ospiti. Considero questa Domenica In un viaggio all’interno del nostro Paese, con giochi che punteranno a mettere in evidenza le peculiarità delle nostre regioni, i dialetti e festeggeremo i 150 anni dell’Unità d’Italia. So che è una prova importante ma sono molto serena, non posso nascondere che come tutti aspetterò gli ascolti il giorno dopo. Mi interessa arrivare alla pancia e al cuore della gente con emozioni vere. Sono sicura però che, oltre alla tv, anche il teatro resterà casa mia. Lo considero un viaggio perché incontrerò tante persone con storie straordinarie, alla mia età non ho la velleità di mettermi a fare la giornalista, ma vorrei raccontare incontri speciali. Mi piacerebbe portare tutto quello che ci unisce come italiani, trovo che al momento ci siano troppi elementi disgreganti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>