Le regole degli amanti dei film

di Redazione Commenta

Gli amanti dei film li riconosci, sono quelli che sognano e pregustano la trama già dai primi trenta secondi di una pubblicità. Quelli che si appassionano alle storie dei personaggi e si fanno interpreti delle loro ugge ed emozioni. Si innamorano degli attori, li seguono e pendono dalle loro labbra ai festival o nelle conferenze stampa quando annunciano il nuovo capitolo proprio di quella saga che sembrava inesorabilmente finita. Si chiedono quali sono i film stasera in tv perché magari già pregustano la ‘super combo’ maltempo-plaid-divano insieme ad amici, parenti o alla dolce metà. Ma sanno anche immergersi in storie complesse e molto lunghe in completa dedizione e autonomia perché, proprio come accade quando si parte per un viaggio in solitaria, senza distrazioni si capisce meglio quello che accade e cosa c’è intorno.

Ecco perché è possibile indicare cinque regole d’oro che chi si ritiene un amante dei film dovrebbe sempre rispettare, a cominciare dalla prima e più importante. Avete fatto tardi? Si erano scaricate le pile del telecomando? Il cane voleva fare una passeggiata extra a tutti i costi? Ok, ma non dovreste mai vedere un film quando è già iniziato. Non importa se vi siete persi solo cinque o sei minuti, perché la trama deve essere sempre completa al 100% per guidare poi il giudizio finale. Altra regola d’oro: l’amante dei film non ne lascia mai neanche uno a metà, a meno che la visione sia cominciata talmente tardi che poi il sonno ha preso il sopravvento (ma ci si sente in colpa). Il ritmo è tutto: se vi capita di fermarvi (dovrà essere un’eccezione) ripartite da capo un altro giorno. Il terzo punto fermo riguarda il gusto personale: mettiamo il caso che proprio la trama di quel film sia brutta, il vero amante dei film arriva comunque sia fino alla fine. Mai scoraggiarsi, allo stesso modo in cui bisognerebbe riuscire a trascinarsi all’ultima pagina di un libro anche se non ci piace. Quarta regola è il ‘no spoiler’, nel caso in cui abbiate deciso di rivedere in compagnia quel cult movie che conoscete a memoria e che vi fa battere il cuore. Allo stesso modo, l’amante del cinema che si appresti a una ‘prima visione’ dovrà evitare accuratamente di intercettare recensioni e anticipazioni soprattutto su internet. Infine la quinta regola, dedicata agli amanti delle versioni originali: quando è possibile, anche per mettersi al riparo da doppiaggi lontani dal vero senso dei discorsi, è sempre bene vedere i film in lingua.

Quando la passione si chiama serie tv

Non solo i film sono protagonisti all’interno dei palinsesti della televisione. Per calarsi al massimo nell’atmosfera che solo il piccolo schermo sa regalare, bisogna capire anche il concetto stesso che sta alla base delle amatissime serie tv. Si tratta, più o meno, di film molto lunghi: romanzi a puntate che per loro essenza non sono troppo sintetici e anzi hanno l’abitudine di snocciolare in tempi diluiti dettagli e colpi di scena veramente spettacolari. L’abitudine guida la visione ritmica di questi piccoli grandi capitoli di trame molto spesso complesse anche se dall’aria all’apparenza banale. C’è un desiderio sottinteso di saperne sempre di più, conoscere ‘come va a finire’ e ‘cosa succede dopo’. I misteri, va da sé, sono l’Abc: hanno l’obiettivo di tenerci col fiato sospeso, sorprenderci e allo stesso tempo farci appassionare. Al punto che, una volta conclusa una serie tv che tanto ci aveva saputo coinvolgere, si sperimenta una sensazione di vuoto e quasi di abbandono. Da parte di quegli stessi personaggi che ci avevano tanto saputo tenere compagnia al punto da essere diventati, in pratica, di famiglia. Si sta svegli la notte per andare il più avanti possibile e, quando cala il sipario, si impazzisce a cercare notizie di una possibile nuova serie che continui a raccontare le vicende inevitabilmente rimaste a metà. C’è di buono che, come avviene per le fiction, la scelta è molto vasta e il panorama dal quale attingere praticamente infinito: i generi da esplorare non conoscono limiti di spazio e tempo, ecco perché tra quelli più amati c’è senza dubbio il fantasy con la sua capacità di far viaggiare in un’altra dimensione. L’outfit perfetto dell’amante dei film così come delle serie tv è solitamente ‘comodo’: al pigiama si alternano tute da casa, con il plaid d’ordinanza sempre in evidenza su qualche ripiano del salotto e pop corn o patatine a completare la scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>