Contratto attori USA, i consiglieri del sindacato votano a favore. E’ tutto finito?

di Redazione 1

Buone notizie per Hollywood: il lungo scontro tra major e sindacato attori sembra essere arrivato alla fine. I 71 rappresentati degli attori hanno approvato a maggioranza (53,4% favorevoli, contro il 46,6% contrari) la proposta contrattuale nata dal punto d’incontro tra la Sag e l’Amptp.

In cosa consiste il contratto? Nel primo e nel secondo anno ci sarà un aumento di entrate del 3,5% per gli attori (il 3% nel compenso per prodotti cinematografici e televisivi e lo 0,5% nella pensione), aumenti dal 7,5% al 10% per le guest star, aumento degli straordinari, maggiore copertura previdenziale e  in teoria ci sarebbero forme di compensazione per i progetti sui nuovi media.

Ora spetta ai 120.000 membri del sindacato dire la loro e mettere la parola fine ad una battaglia che dura dal giugno del 2008: il fronte del si è sicuro della firma (il direttore esecutivo ad interim David White sembra esserne più che certo), ma quello del no, capeggiato da Alan Rosemberg promette ancora battaglia. perché non soddisfatto dell’offerta:

Faremo una forte opposizione alla ratifica del contratto perché non garantisce la giurisdizione e diritti sui progetti per i nuovi media. E’ contrario a tutto ciò per cui abbiamo lottato.

Certo il nuovo contratto non fa impazzire, ma gli attori hanno perso già 65 milioni di dollari in poco meno di un anno e se dovessero firmarlo scadrebbee il 20 giugno del 2011, in contemporanea con quello di registi e attori e il braccio di ferro potrebbero vincerlo loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>