Home » Sanremo 2012: Gianni Morandi direttore artistico ma non conduttore?

Sanremo 2012: Gianni Morandi direttore artistico ma non conduttore?

Michele Galvani di Leggo ha riportato un’indescrizione molto interessante sul prossimo Sanremo 2012. Gianni Morandi si sarebbe mostrato piuttosto restio a condurre un’edizione bis del Festival, preferendone curare solo la direzione artistica, intenzionato a riproporre la formula collaudata dello scorso anno: alternare cantautori a giovani nati dai talent show.

Le trattative per la composizione del cast sono ancora ad un punto morto. Fabrizio Frizzi e Carlo Conti non sono considerati conduttori catalizza-pubblico. Antonella Clerici ha declinato gentilmente l’invito perché impegnata televisivamente su altri fronti. Morandi, ad oggi, resta l’unica alternativa e c’è chi già scommette che il cantautore possa quasi “immolarsi” per non far saltare l’intero progetto. 12 mesi fa, Morandi aveva già dato la sua disponibilità ai vertici di Viale Mazzini per Sanremo 2011. Una manifestazione così articolata, che va curata nei minimi particolari, ha bisogno di tempo per l’allestimento totale, la macchina organizzativa, la scelta dei cantanti in gara e gli ospiti internazionali.

Inoltre, la Rai sarebbe intenzionata ad un taglio di budget che si aggirerebbe attorno al 30% nonostante la kermesse garantisca ascolti alti ed introiti pubblicitari non indifferenti. Ed infine, la spinosa questione degli agenti che quasi impongono la presenza dei loro assistiti sul palco dell’Ariston.Siamo alla fine di un’epoca per un ritorno all’austerity?

1 commento su “Sanremo 2012: Gianni Morandi direttore artistico ma non conduttore?”

  1. Si ricomincia con la sceneggiata: Ballandi, Arcobalenotre e… tra poco arriva l’altra ed il gioco è fatto. Con tanti bravi presentatori che ci sono in giro per l’Italia, nelle TV locali, bisogna prendere sempre una mummia od i figli dei soliti Pooh… Va bèèè, l’anno scorso, non essendo riusciti a far partecipare musica popolare di qualità, per interessi di diversa natura, avete portato a vincere il Festival di Sanremo al cantautorato: jazz tra i giovani ed intellettuale tra i big. Non era musica popolare, non era la canzone da portare dietro per la vita, non erano canzoni di Sanremo. Poooi, a chi volete prendere in giro, fate selezioni trasparenti, specialmente tra i giovani e poi vedremo. Siete solo sacerdoti e vestali delle decadenza culturale e morale dell’Italia.

    Rispondi

Lascia un commento