Paolo Garimberti ed i 50 anni di Raidue

di Sebastiano Cascone Commenta

Sull’ultimo numero del RadioCorriere Tv, il presidente Paolo Garimberti ha celebrato degnamente la nascita di Raidue nell’ormai lontano 4 novembre 1961:

Non pensavo, allora quando ero direttore del Tg2, di trovarmi oggi da presidente della Rai a celebrare il 50/o anniversario di Rai2 o come si chiamava il Secondo Programma. La rete è stata la fucina di tanti talenti e la sede dove sperimentare nuove formule di trasmissioni e nuovi linguaggi, che si sono poi affermati proprio grazie a quella vetrina. Programmi che hanno lasciato il segno ed eredità importanti e un tg agile, veloce, moderno che ha segnato una svolta nel giornalismo televisivo.

Sono passati appena 50 anni:

Quando arrivai al Tg2 sapevo che mi si chiedeva di fare un buon telegiornale, equilibrato, attento alle nuove istanze che si muovevano nel paese, insomma un tg del servizio pubblico e non una testata di parte. Lo dico apertamente, non per rivendicare un titolo di merito, ma per spiegare lo spirito con cui allora si affrontava la chiamata in Rai, con i suoi doveri e la sua missione da rispettare. Si trattava di seguire la strada tracciata dai miei predecessori, grandi professionisti che sapevano distinguere tra informazione e propaganda, tra fatti e commenti, e che non si lasciavano irretire dalle telefonate che potevano ricevere. Poche, in verità, fatte da interlocutori con cui si ragionava liberamente e che non pretendevano di dare indicazioni o suggestioni interpretative.

Da allora, le cose sono cambiate:

Tra la politica e il giornalismo vigeva un reciproco rispetto e non esisteva la volontà di prevalere. I tg della Rai non dovevano e non volevano essere organi di partito. Oggi molte cose sono cambiate, ma mi fa piacere rilevare che la tradizione di serietà professionale del Tg2 si sia mantenuta inalterata grazie a chi ne ha avuto la responsabilità dopo di me avendo cura di preservarne autonomia e indipendenza, doveri questi richiamati nei principi fondamentali del servizio pubblico. Auguri a Rai2 e al Tg2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>