Jason Priestley: Brandon Walsh era troppo perfetto!

di Redazione Commenta

Ricordate il biondino di nome Jason Priestley, con i capelli alla James Dean, che negli anni novanta aveva rapito il cuore di tutte le teenager? Con il ruolo di Brandon Walsh, era il protagonista di Beverly Hills 90210 serie cult composta da dieci stagioni, e a proposito del suo personaggio Jason parla di quel periodo a Vanity Fair dicendo:

Era una noia. Così politicamente corretto, diceva sempre la cosa giusta al momento giusto


Come dargli torto? Il problema, dice Jason, è che ancora oggi la gente per strada lo chiama Brandon e la cosa non gli fa piacere:

Mi intristisce vedere che la gente sembra non essersi accorta delle altre cose che ho fatto dopo Beverly Hills 90210

Gli anni novanta sono stati il periodo d’oro per Jason, le ragazze facevano la fila per stare con lui, ma nonostante tutto, lui dice di essere rimasto con i piedi per terra ed aggiunge:

Io sono canadese, di Vancouver, famiglia operaia, i miei non mi ostacolarono perché pensavano che, tanto, stando a Vancouver, non avrei mai avuto grande successo. Poi, io ho insistito, ho studiato recitazione, sono andato a Los Angeles. Ma non sono mai troppo cambiato e, appena ho potuto, ho cominciato a produrre e dirigere. Fare l’attore e basta avrebbe significato dipendere toppo dalle scelte altrui e da quel che il fantasma di Brandon significa

Reduce dalla kermess capitolina del Romafictionfest, dove ha presentato la nuova serie canadese Call Me Fitz, Jason Priestley, oramai quarantunenne, riuscirà ad avere lo stesso successo che ha avuto con il personaggio di Brandon Walsh? Ai posteri l’ardua sentenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>