Domenica in, Massimo Giletti:”Baudo ha pagato un’annata poco felice”

di Redazione 2

Massimo Giletti, intervistato da Michela Tamburrino de La Stampa, torna a parlare di Domenica In: il conduttore de L’Arena, cerca di spiegare perché Pippo Baudo ha dovuto lasciare il contenitore di Raiuno, mentre lui è stato riconfermato:

In azienda vige la regola dei risultati. Baudo purtroppo ha pagato un’annata poco felice dal punto di vista degli ascolti. Io mi ritengo fortunato e grato per aver ottenuto il 22,5% di share con oltre 4 milioni di telespettatori. Praticamente gli stessi numeri di Santoro, solo che io vado in onda di pomeriggio, con un pubblico familiare che mi impedisce di affrontare certi argomenti caldi. Così il direttore di Raiuno, Mauro Mazza, con il quale non avevo mai lavorato prima, ha dato all’Arena 40 minuti in più che io userei per affiancarle grandi interviste a personaggi della politica e dell’attualità.

Tra gli argomenti che il conduttore non ha potuto proporre c’è stato il caso Marrazzo:

Ne parlai con Mazza e con Gianvito Lomaglio, vice direttore di Raiuno e a breve nuovo direttore di Raidue. Io ne ero convinto ma loro hanno preferito non farne niente.

Massimo Giletti spende delle belle parole anche per Lorella Cuccarini, la sua prossima collega a Domenica In:

È una straordinaria protagonista che mancava ingiustamente da tempo. Ma fare ascolti non è facile.

Commenti (2)

  1. Buon giorno! Questo post non poteva essere scritto meglio! Leggendo questo post mi ricorda il mio compagno buona vecchia stanza! Ha sempre mantenuto chiacchierare su questo. Io trasmettere la presente scrittura fino a lui. Abbastanza certo che avrà una buona lettura. Molte grazie per la condivisione!

  2. Ho appena libro segnato il tuo blog su Digg e Stumble Upon. Mi piace leggere i vostri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>