Ramsay’s Kitchen – dalle stalle alle stelle

di Valeria Croce Commenta

Ramsay’s Kitchen è andato in onda nel 2004 in Inghilterra su Channel 4 ( Paese produttore ) ed è stato esportato in Olanda e negli Stati Uniti. Nella versione originale, l’affermato chef Gordon Ramsay visita un ristorante in difficoltà con lo scopo di capire i motivi di tale difficoltà e cercare di risanarlo dalle fondamenta.

Il tempo a sua disposizione è davvero poco – circa due settimane – ma l’esperienza, la sua reputazione da duro e la conoscenza del luogo nel quale è inserito il locale in difficoltà, permetteranno a Ramsay di fare un ottimo lavoro.

Tensioni con il proprietario, rimproveri e scontri sono all’ordine del giorno, mentre lo chef tenta di fare l’impossibile per trasformare un locale deserto e sul viale del tramonto in uno dei luoghi più frequentati e alla moda della città. Un luogo dove la gente bene londinese possa incontrarsi e gustare una delle cene più chic che abbia mai provato.

Alla fine di ogni puntata settimanale Gordon Ramsay farà visita al ristorante e al suo proprietario per toccare con mano se i consigli dispensati sono serviti a risollevare le sorti del locale o quantomeno a migliorarne l’andamento generale.

La versione americana, in onda su Fox, mantiene invariate le caratteristiche del format originale; mentre nella versione olandese, in onda su Rtl 4, il famoso chef Herman Den Blijker corre in aiuto di risotranti – hotel in difficoltà, sia in Olanda che all’estero, con il supporto e la consulenza di un noto albergatore.

Un format, Ramsay’s Kitchen dal concept originale e innovativo, che unisce la passione per la cucina con il senso degli affari e dell’organizzazione. Come in altri programmi di successo, il supporto e l’esperienza di uno chef famoso fanno di davvero la differenza; come si dice: dalle stalle alle stelle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>