Per l’Italia a cucinare: Linea Verde, Pianeta Mare, Mela Verde

di Valeria Croce 1

Linea Verde, Pianeta Mare e Mela Verde sono tutti programmi figli della stessa madre. In ogni puntata si va alla scoperta di un paese, di un borgo, delle sue tradizioni. Alla scoperta della gente che abita in quel luogo e del modo di vivere la cucina e le radici che la legano al territorio.

Linea Verde in onda su RaiUno, dal 1999, è un programma che punta sulla ricerca della qualità ambientale e culinaria su e giù per il Bel Paese. Il conduttore, Massimiliano Ossini, va alla scoprta di aziende che si sono radicate nel territorio producendo nel rispetto della tradizione.  

Pianeta Mare, in onda su Rete 4 dal 2003, è condotto attualmente da Tessa Gelisio. Il programma e la sua troupe navigano su e giù per i nostri mari alla scoperta di un antico mestiere, la pesca. Ogni occasione è buona per raccontare ai telespettatori ricette tradizionali la cui base principale è il pesce. Si raccontano le diverse specie, le divrse tecniche di pesca e le difficoltà di uno dei mestieri più antichi del mondo.

Mela Verde, in onda su Rete 4 dal 1998, è condotto da Edoardo Raspelli. Un programma diviso in due parti come una mela, che alla fine ritrova sempre la sua metà. Una donna ( che è cambiata in tutte le edizioni ) va a visitare una grande azienda dall’antica tradizione e un uomo, Raspelli, che scopre borghi, baite, alpeggi e luoghi del gusto. Spazi lontani fisicamente ma sempre in contatto grazie ad un motaggio serrato e alternato.

Qualunque sia la formula di questi programmi detti “itineranti”, lo scopo è scoprire e valorizzare l’Italia dei mille campanili. Naturalmente se si vuole sottolienare l’italianità, non può assolutamente mancare la componente culinaria. Insomma, le modalità sono differenti ma lo scopo è lo stesso: raccontare la tradizione culinaria italiana attraverso gli italiani e la loro tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>