Pif a lavoro sul secondo film, le riprese iniziano a Luglio

di Antonio Ruggiero Commenta

Pif

Pif sarà presto fra gli ospiti di Trame – Festival dei Libri sulle Mafie, ma nel frattempo continua a dividersi tra le interviste ai recenti premi dei David di Donatello 2014 e i Globi d’Oro 2014 e la scrittura del suo secondo lungometraggio: dopo il salto, abbiamo racoclto alcune sue recenti dichiarazioni che ci hanno incuriosito e che sposiamo volentieri.

Da Luglio comincio a lavorare a un nuovo film, sarà sempre più dura, ma speriamo… Quando fai un film d’esordio che va bene il secondo è più difficile, ma certo non mi posso lamentare per il successo.

Ne parla sorridendo Pierfrancesco Diliberto in arte Pif, vincitore di due David di Donatello (David Giovani, Miglior Regista Emergente) per La Mafia Uccide Solo d’Estate, che presenterà anche alla quarta edizione di Trame – Festival dei Libri Sulle Mafie a Lamezia Terme dal 18 al 22 Giugno.

Ricordando che Pif era già stato ospite a Festival dei Libri Sulle Mafie nel 2012 e lo scorso anno aveva deciso di tornare a Trame per presentare in anteprima il trailer de La Mafia Uccide Solo d’Estate, l’ex Iena continua a perseguire la causa cercando di far riflettere coloro che scelgono la strada dell’illegalità:

La prima volta che sono stato al Festival avevo lanciato un appello agli ‘ndraghetisti, dicendo che non ha senso vivere come fanno loro, essere ricchissimi ma costretti a vivere sottoterra, con il rischio di essere arrestati, che i proprio figli vengano ammazzati. Li incitavo a smettere di fare quello che fanno, a uscire, fare l’amore con le proprie mogli e godersi il mare calabrese. Temo che l’appello non sia stato accolto, ma aver potuto parlare così apertamente in una piazza calabrese era simbolico, qualche anno fa non si sarebbe potuto fare.

Aspettiamo quindi le sue nuove dichiarazioni in merito durante la manifestazione in Calabria, terra non meno difficile della vicina Sicilia da cui proviene Diliberto, nella speranza che si alzi l’asticella e rilanci l’argomento con nuovi interessanti spunti di riflessione (e magari, un giorno, di presa di coscienza e di azione).

 

Rispondi