Il Sesto Senso, 29 Marzo: Tra Coscienza e Incoscienza

di Redazione Commenta

La nostra mente ha una vita segreta, della quale conosciamo ancora molto poco. Una vita che intreccia coscienza e incoscienza, raccontata da Donato Carrisi ne Il Sesto Senso, il programma dedicato ai misteri della mente e alle neuroscienze, in onda sabato 29 marzo alle 21.30 su Rai 3.

In primo piano a Il Sesto Senso le storie di alcuni personaggi, in possesso di capacità straordinarie, come Rudiger Gamm, una sorta di calcolatore mentale che per le sue complesse operazioni matematiche utilizza una parte del cervello normalmente adibita ad altre mansioni. O come Orlando Serrell che ricorda ogni giorno della sua vita: le condizioni del tempo, il cibo mangiato, le persone incontrate. Ed è una capacità acquisita, perché Orlando non ricorda tutto di sé da quando è nato, ma dall’età di dieci anni, dal giorno in cui cadde giocando a basket.

È il sonno, però, il più oscuro dei misteri che circondano gli intrecci tra coscienza e incoscienza. Cosa succede quando dormiamo? E com’è possibile che durante il sonno si possano persino commettere reati? E’ quanto accadutoa Kenneth Parks, che il 23 maggio del 1987 uccide la suocera e viene poi assolto perché affetto da una forma grave di sonnambulismo.

A Il Sesto Senso, infine, la storia di Natascha Kampusch, una bambina di dieci anni che viene rapita: col suo rapitore trascorre oltre tremila giorni prima di riuscire a scappare, ma c’è chi sostiene di averla vista in compagnia di quell’uomo al supermercato o persino in montagna. Secondo la vittimologia, in questi casi, la prigionia è soprattutto nella testa di chi viene rapito: una sorta di adattamento a vivere in cattività, come un animale in gabbia che perde il proprio istinto, la propria natura. O, nel caso degli esseri umani, la coscienza di sé.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>