Il ritorno di Caterina Balivo alla Rai

di Valentina Petulla Commenta

Per chi si fosse perso qualche puntata, nell’estate 2011 Caterina Balivo, nome papabile per la conduzione di Domenica In e di  Quelli che il calcio,  venne scartata in entrambi i casi. Anche a Pomeriggio sul 2 venne sostituita da Lorena Bianchetti  rimanendo così senza un programma suo. “Per fortuna”esclama la presentatrice durante una lunga intervista su Tv sorrisi e canzoni, “Sono cambiati i direttori di rete. Oggi ci sono persone che conoscono la tv, grandi esperti del settore”.

Il ritorno di Caterina Balivo, in Rai, con Detto Fatto, trasmissione che si rivolge alle persone comuni per aiutarle a risolvere problemi di look, casa, cucina, e anche realizzare  piccoli e grandi sogni con l’aiuto di Caterina e di Coach come nutrizionisti, stilisti, arredatori, esperti di ogni settore. Dalle pagine di Tv, Sorrisi e Canzoni Caterina continua: “Per sette anni mi sono occupata del pomeriggio Rai. Sei anni su Rai1 con ‘Festa Italiana, un anno su Rai2 con Pomeriggio sul 2. I risultati mi davano ragione, poi all’improvviso il black out. Mi hanno privata del mio lavoro. Ho pianto, lo ammetto, sono stata male. Essere privati del lavoro scatena un dolore bestiale”. Caterina è stata aiutata, in quel periodo buio, dall’amore della sua famiglia, cui è legatissima: i  i genitori, le sorelle, il marito e soprattutto suo figlio Guido Alberto, nato a Maggio del 2012 . E sopratutto  dalla solidarietà dei colleghi, come Antonella Clerici, Gianluigi Paragone, Simona Ventura e Aldo Biscardi   che le hanno fatto grandissimi auguri per questa nuova avventura. Ovviamente anche sul fronte Mediaset non le mancano alleati:  Silvia Toffanin, Piero Chiambretti e Federica Paniucci l’ hanno spesso invitato nei loro programmi. Di loro Caterina ha commentato ” mi hanno fatto sentire viva”. Mentre per Lorena Bianchetti, che l’ha preceduta su Rai2 in quella stessa fascia oraria e ora è rimasta senza il suo programma. Caterina è stata povera di parole verso Lorena, riflettendo che, dal suo lascito, non si sono più sentite.

crediti: getty image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>