Attenti a quei due – La sfida su Raiuno

di Redazione 1

Debutterà, stasera alle 21.10 su Raiuno, dall’Auditorium Rai di Napoli Attenti a Quei Due – La Sfida, il programma di Raiuno condotto, quest’anno, da Paola Perego, con la partecipazione straordinaria di Biagio Izzo.

La trasmissione, in onda per 5 puntate, vedrà ogni settimana in gara due personaggi del mondo dello spettacolo: le sfidanti della prima puntata saranno Antonella Clerici e Loretta Goggi, che si affronteranno in vari numeri (ballo, canto, magia, invenzioni, recitazione ecc.) coadiuvate da altri ospiti che contribuiranno nei vari segmenti a raggiungere il premio messo in palio nel singolo numero. Il direttore di Raiuno, Mauro Mazza è entusiasta di questa nuova scommessa:

A Napoli ci troviamo davvero bene e, Attenti a quei due, sancisce il ritorno sul piccolo schermo di Paola Perego, conduttrice di grande esperienza capace di dare un impulso positivo ad un programma vincente.

Antonella Clerici e Loretta Goggi gareggeranno per conto di 2 nuclei familiari, al fine di far ottenere loro dei premi per la casa e, ad accompagnare le “sfidanti” ci sarà un corpo di ballo con una band diretta dal Maestro Stefano Palatresi che accompagnerà “live” le esibizioni e da uno o più comici che avranno modo di alleggerire i “caldi” momenti della sfida.

Saranno ospiti della prima puntata anche i Ricchi e Poveri, Luca Canonici e i Neri per Caso. Le due Guest Star si affronteranno “anche” correndo con la memoria, raccontando i passi importanti della loro carriera professionale e della loro vita. Sarà, infine, il pubblico in studio a votare, grazie a un telecomando, l’esibizione preferita. Paolo Bonolis e Carlo Conti si sfideranno il 20 gennaio in occasione del secondo appuntamento dello show di Raiuno.

Attenti a Quei Due – La Sfida è una trasmissione prodotta da Rai1 in collaborazione con Toro Produzioni. Autore del programma è Pasquale Romano con Marco Salvati, Stefano Sarcinelli, Filippo Cipriano, Alberto Consarino, Davide Minnella, Annalisa Montaldo. La regia è di Stefano Mignucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>