Comedy Central, palinsesto 2011: arriva Container di Gabriele Cirilli, tornano Salsa Rosa, Central Station e numerose serie tv

di Diego Odello 2

Ieri è stato presentato a Milano il palinsesto 2011 di Comedy Central: il canale prodotto da MTV Italia (Sky canale 121 e 123) per confermare e, se possibile, aumentare il proprio pubblico (cresciuto del 23% negli ultimi anni), continuerà ad offrire una programmazione incentrata sulla comicità, sul talent scouting di giovani talenti, sulle serie tv e sugli spettacoli teatrali.

Tra i programmi confermati ci sono Salsa Rosa (che torna il 10 gennaio ancora una volta condotto da Katia Follesa e Bruno Cabrerizo), Central Station (presentato da Omar Fantini), Palco Doppio palco e Contropalcotto (dedicato agli spettacoli teatrali), Comedy Show, le serie tv Community, Le regole dell’amore e Southpark e le vintage Vita da strega, Benny Hill e Willy il principe di Bel-Air. Tra le novità spicca Container, lo show in cinque puntate di Gabriele Cirilli, che andrà in onda da mercoledì 12 gennaio, che proporrà una dozzina di volti nuovi.

Gabriele Cirilli racconta il suo programma (fonte Il Giornale):


Nel mio Container c’è di tutto: una contaminazione di stili che va dal demenziale al surreale, passando per parodia e satira. Tutta comicità che nasce da autori che scrivono per il personaggio e non per se stessi: l’autore deve essere un sarto per il comico. Ricci? No lui scrive per se stesso, e di fatti i suoi comici leggono tutto, e si vede. E’ altra cosa, però, rispetto al cabaret. [Tra i comici] Davide Panlate fa l’inviato del Tg con tic dell’indagine poliziesca. Alessandro Betti interpreta un cuoco tignoso nel non voler rivelare le proprie ricette in tv, oltre a dare volto al cittadino incazzoso, contrario a ogni tipo di Tav e Mose, Gigi Rock si traveste da Lady Gaga.

Omar Fantini commenta la nuova edizione di Central Station:

Stiamo selezionando giovani attori comici all’interno di una cinquantina di candidati e devo dire che ci sono dei personaggi molto validi. In Italia la satira è ormai scomparsa, in America – spiega – puoi ironizzare su tutto, qui ormai rischi solo di sconvolgere equilibri.

Il direttore Alessandro Grieco dice (fonte AGI):

In un momento difficile per l’Italia, ridere è fondamentale e molto del nostro pubblico ci segue perché portiamo un po’ di serenità e spensieratezza, siamo in grado di trattare molti argomenti, anche difficili e di attualità, in maniera divertente.

Commenti (2)

  1. Ancora con quel raccomandato di Cirilli? Non ha capito che non fa ridere nessuno? Bello avere Santa Milly in paradiso, neh?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>