Mediaset, Videonews, Ilaria Cavo arrestata

Ilaria Cavo, la giornalista di Videonews, testata giornalistica diretta da Claudio Brachino, è stata arrestata a Camaguey, a Cuba, durante un reportage riguardante l’omicidio di Lignano. Insieme a Ilaria Cavo, sono stati fermati anche il cameraman Fabio Tricarico, il giornalista de Il Messaggero Veneto, Domenico Pecile e il fotoreporter de Il Corriere della Sera, Stefano Cavicchi, che è stato già rilasciato. La notizia è stata pubblicata da TgCom24.

Ilaria Cavo è stata fermata dalle autorità cubane ieri sera mentre stava facendo ritorno a L’Avana, una volta aver terminato una parte del reportage.

Alle 15, ora italiana, si svolgerà il processo per direttissima.

Claudio Brachino, in una dichiarazione sempre riportata da TgCom, ha dichiarato:

Ilaria non ha fatto nulla di illegale. Ha realizzato interviste assolutamente lecite.

Cavicchi, che è stato già rilasciato e al quale sarebbero state contestate irregolarità nel visto, ha dichiarato:

Siamo a Camaguey, un paese di 300mila abitanti. Ieri mattina sei uomini ci hanno sequestrato dalla casa di Reiver Laborde Rico (il presunto complice dell’omicidio di Lignano, ndr). Hanno fatto irruzione nell’appartamento e hanno ripulito le schede del girato fatto dall’operatore di Ilaria Cavo.

1 commento su “Mediaset, Videonews, Ilaria Cavo arrestata”

  1. Si può discutere se è giusto o sbagliato (penso che sia “in parte” sbagliato) sul fatto che a Cuba perchè un giornalista possa andarci per lavoro (non per vacanza) debba avere delle autorizzazioni dal governo (come accade in Cina, ci si limita a dire che è cosi,ma nn si fa nulla per “farli cambiare”.Forse per una paura “euro-americana” del “gigante asiatico”, invece essendo Cuba “un’isoletta insignificante” il “coraggio” lo tirano fuori tutti indistintamente…facile cosi, no?). Questa cosa la sanno TUTTI in TUTTO il mondo, in italia ne hanno parlato molte volte, quindi questi “giornalisti a caccia di scoop” non mi fa nessuna pena (ghe sta ben). Nessuno parla del fastidio che possono dare ai cubani le telecamere e l’immagine che poi si da dei cubani oltre al fatto che questi giornalisti “and company” hanno commesso un’illecito: “La legge non ammette ignoranza” questo l’ho imparato in Italia. I giornalisti però, lo sapevano e bene, quindi che accettino la loro responsabilità e facciano “mea colpa” poi sul resto si può discutere!

    Rispondi

Lascia un commento