Le Iene, la giovane mamma che combatte contro gli assistenti sociali per avere i suoi figli

di Redazione Commenta

Nella scorsa puntata de Le Iene, Matteo Viviani ha intervistato Linda, una giovane madre che sta combattendo per riavere i suoi figli, portati via dagli assistenti sociali.

Due anni fa Linda si è separata dal suo primo compagno ed ha poi conosciuto un altro uomo. Con lui è iniziata una meravigliosa storia d’amore e col passare del tempo Linda si è convinta che la figlia di tre anni potesse adattarsi al suo nuovo compagno, decidendo così di andare a vivere con lui. Ma è stato allora che le cose sono cambiate, l’uomo è diventato possessivo, geloso, fino a diventare violento. Nonostante le violenze, Linda è rimasta incinta pensando che il compagno potesse finalmente cambiare, ma le aggressioni continuavano anche durante la gravidanza e dopo la nascita del bimbo.

La donna ha chiesto aiuto ai Carabinieri e alle persone più vicine che aveva per fuggire da quella terribile situazione, decidendo di andare in Sicilia dalla madre. Ma durante il viaggio i Carabinieri l’hanno richiamata per farla tornare indietro, il compagno l’aveva denunciata sostenendo che Linda si volesse ammazzare con i bambini, che le sono stati portati via.

Da allora è iniziata la battaglia di Linda, che può vedere i suoi figli solo separatamente e per un’ora a settimana sotto l’occhio vigile delle educatrici. Ci sono più perizie psichiatriche che dimostrano che la donna è sana di mente, ma gli assistenti sociali continuano a negarle la possibilità di riaverli con sé. La donna è stata sottoposta anche a un TSO, ma anche la dottoressa che l’ha visitata non ha dichiarato nulla di negativo su di lei, smontando anche l’ipotesi di tentato suicidio. I bambini inizialmente sono stati affidati ai loro rispettivi padri, il più piccolo è finito nella famiglia del fratello del padre per poi tornare ai servizi sociali, un viavai che di certo non ha fatto bene alla sua psiche. La Procura della Repubblica ha archiviato il caso ma tutt’ora alla donna risulta difficile riavere con sé i figli perché i servizi sociali non hanno trasmesso il documento al Tribunale dei Minori. Linda ha raccontato la sua verità, sperando che finalmente le cose possano cambiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>