La settimana di Uomini e Donne: Alessandro Pess e la sua innata simpatia

di Elide Messineo Commenta

Anche questa settimana di Uomini e Donne non ha portato grandi sorprese, se non qualche bacetto che ha fatto indignare alcune corteggiatrici. Il trono classico si fa sempre più sfiancante, il trono over sempre più giovanile, Ragazzi e Ragazze è la formula meno amata dell’intero programma.

Cos’è successo questa settimana a Uomini e Donne? Al posto di riportare i fatti giorno per giorno, stavolta riportiamo solo quelli salienti, perché di buono (tanto per cambiare) non è successo nulla.

Trono Over

Per quante puntate ancora tutti punteranno il dito contro Barbara dicendole “Tu sei ancora interessata ad Antonio!“? Mentre gli over continuano a conoscersi e a lasciarsi, a ballare e a sfilare e a litigare per i voti troppo bassi o troppo alti delle sfilate, Gemma rimane in pole position nella gara della sfiga. In quanto a uomini, si è capito da un bel pezzo che non gliene va una giusta: stavolta le è toccato Aldo, che declama le poesie, personaggio eccentrico che Tina aveva fortemente sconsigliato fin dai suoi primi secondi in trasmissione (a Tina bisogna dar retta, le azzecca tutte). Quando Gemma ha espresso solo amicizia e nulla più, il poeta Aldo ha smesso di spendere parole d’amore per lei, durante il ballo le ha quasi stritolato la mano, arrabbiato perché rischiava di lasciare il programma. Ma Gemma ha fatto presente quanto era accaduto, la scena si vede chiaramente, una vergogna!

Trono Classico

Mentre Eugenio rimane nel limbo, sospeso tra Francesca ed Eleonora, Andrea ha deciso di svegliarsi un po’ ed è passato dal non voler baciare nessuna a baciarle tutte. La prima è Francesca Del Taglia, che se n’è andata dalla trasmissione ma anche no; la seconda è Gabriela. Con Francesca tanti baci romantici e appassionati con vista su Firenze, con Gabriela capriole sulla neve come due teneri adolescenti e poi il bacio finale. Alla fine la colpa è ricaduta su Gabriela, accusata di essere stata poco chiara con i tronisti, ma anche il karma di Andrea presto lo punirà, perché a quanto pare la sua bella fiorentina tornerà in studio per riprendersi proprio Eugenio.

Ragazzi e Ragazze

La parte più inutile della programmazione settimanale di Uomini e Donne: ragazzi e ragazze che si incontrano, si vedono senza telecamere e poi discutono i fattacci loro in studio. Ne avevamo davvero bisogno? Avevamo la settimana che abbondava di trash, quando si esagera poi, va a finire male!

Alessandro Pess

Il nuovo tronista merita una sezione tutta per sé, egocentrico com’è (però all’ultimo posto): attore, bello quanto vuoi, ma la sua arroganza è deleteria. Alessandro Pess porta fuori le ragazze per fare interrogatori e puntare il dito contro di loro convinto di riuscire così a scoprire il loro carattere: tutte vogliono sfruttare la sua immagine per esibirsi e farsi notare nel programma, dopo un appuntamento al buio pretende che siano tutte innamorate pazze. Lui, che fa l’attore e ha cercato visibilità sul trono gentilmente offerto da Maria De Filippi. Che poi, quand’è che la ragazza più timida e pudica d’Italia è andata ad accavallare le gambe in studio, toccandosi la coda di cavallo nervosamente in attesa di essere chiamata per andare in esterna? Bisogna dare ragione agli altri tronisti, Diego Ciaramella era insopportabile ed è andato via perché qualcuno ha deciso di sopportarlo fuori, ma è stato trovato un sostituto più che valido. Pare che il mondo lo conosca solo lui, ed ha una capacità grandiosa di non mettere la gente a proprio agio. Domani scopriamo che è lui che ha inventano l’amor che move il sol e le altre stelle, tutti gli altri non ci hanno capito un tubo, ce lo comunicherà con insulti a raffica e pose da modello. E per favore, ricordatevi com’è vestito sennò se la prende talmente tanto che quasi non mangia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>